Sfiducia costruttiva: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
L'istituto della '''sfiducia costruttiva''' è uno dei mezzi usati da alcune [[costituzione|costituzioni]] approvate nel secondo dopoguerra con l'intento di razionalizzare la [[forma di governo]] parlamentare, rafforzando la stabilità del [[governo]]. Consiste nell'impossibilità da parte del [[parlamento]] di votare la [[mozione di sfiducia|sfiducia]] al governo in carica se, contestualmente, non concede la fiducia ad un nuovo esecutivo. In questo modo un governo, seppur abbia perso la maggioranza parlamentare, può continuare a rimanere in carica senel caso in cui le forze politiche in parlamento non riescono ad accordarsi per formare un nuovo governo.
 
L'istituto fu introdotto in [[Germania]] dalla [[Legge fondamentale tedesca|Legge fondamentale]] del [[1949]], il cui art. 67 al primo comma recita: "Il [[Bundestag]] può esprimere la sfiducia al [[Cancelliere federale (Germania)|Cancelliere federale]] soltanto eleggendo a maggioranza dei suoi membri un successore e chiedendo al Presidente federale di revocare il Cancelliere federale. Il Presidente federale deve aderire alla richiesta e nominare l'eletto". Dal 1949 sono state proposte solo tre mozioni di sfiducia e una sola ha avuto successo: nel [[1982]] quando [[Helmut Kohl]] successe in questo modo a [[Helmut Schmidt]] nella cancelleria federale .