Differenze tra le versioni di "Cost per mille"

m
tra gli esempi di CPM quello relativo al vCPM
m (→‎Voci correlate: Fix link)
m (tra gli esempi di CPM quello relativo al vCPM)
* Nella pubblicità online, se un sito web vende un banner per €20 CPM, ciò significa che all'inserzionista (colui che fa pubblicare le inserzioni) 1000 visualizzazione di tale banner costano esattamente €20.
* Il [[Super Bowl]] negli Stati Uniti detiene il più alto costo per spazio/spot pubblicitario, esso realizza annualmente anche il maggior numero di telespettatori. Di conseguenza il suo CPM può essere paragonabile allo spot meno costoso in onda durante la programmazione televisiva ordinaria.
*Nelle campagne di [[display advertising]] gli inserzionisti che utilizzano annunci CPM hanno la possibilità di impostare il prezzo addebitale per la pubblicazione di 1000 annunci e di conseguenza pagare per ogni volta che un annuncio viene visualizzato. Se l’obiettivo della campagna è quello di aumentare la [[Conoscenza di marca|brand awareness]] senza necessariamente aumentare il traffico verso il proprio sito web, Google propone di utilizzare le offerte <ref>{{Cita web|url=https://support.google.com/google-ads/answer/3499086?co=ADWORDS.IsAWNCustomer%3Dfalse&hl=it|titolo=Google vCPM}}</ref>vCPM, tipologia di offerta manuale consente all’inserzionista di impostare l’importo massimo che si è disposti a pagare per mille impressioni visibili dell’annuncio<ref>{{Cita web|url=https://www.insidemarketing.it/glossario-marketing-comunicazione/cpm/|titolo=Le offerte vcpm per la brand awareness}}</ref>.
 
== Costo Effettivo per Mille Impressioni (eCPM) ==
eCPM = (Ricavi totali / Impressioni) x 1000
mmm
 
== Note ==
<references />
 
== Voci correlate ==
14

contributi