Differenze tra le versioni di "Istituto Geografico Centrale"

m
fix link
m (fix link)
 
== Storia ==
[[File:Espositore carte igc torino piazza san carlo.jpg|thumb|upright|Espositore con carte IGC a Torino ([[Piazza San Carlo (Torino)|piazza San Carlo]]).]]
Fu fondata da Giuseppe Candeletti nel 1952<ref>{{cita libro|cognome= Fondazione per il libro, la musica e la cultura |titolo= Salone del libro - catalogo espositori 2008 |anno= 2008 |editore= Officine Grafiche Editoriali Zeppegno |pp= 165 }}</ref>. Nacque allora, oltre a diverse edizioni di piante della città, la ''Guida Toponomastica di Torino'' in scala 1:5.000. L'anno seguente IGC pubblicò l'''Atlante di Milano'' in scala 1:5000.<ref name=carat>{{cita libro
|titolo = A List of Geographical Atlases in the Library of Congress, Volume 6
|editore = [[LibraryBiblioteca ofdel CongressCongresso]]
| anno = 1953
|accesso = 24 novembre 2014
}}</ref>
 
Alcuni anni dopo nacque l'editoria relativa alla montagna. Dopo la carta del [[Parcoparco Nazionalenazionale del Gran Paradiso]] furono pubblicate le altre carte in scala 1:50.000 che coprono l'arco alpino dalla Lombardia occidentale fino alla Liguria. Seguirono nella serie altre carte più dettagliate in scala 1:25.000 destinate agli scalatori e agli alpinisti che, oltre ai sentieri e le vie di ascensione, evidenziano anche gli itinerari di sci-alpinismo.
 
All'Istituto geografico Centrale viene riconosciuto il ruolo che per molti decenni ha avuto come supporto all'[[escursionismo]].<ref>''VALLI MAIRA, GRANA, STURA'', recensione su ''Alpinia.net'' on-line su [http://www.alpinia.net/editoria/recensioni/rec_scheda.php?id=1661 www.alpinia.net] (consultato nel novembre 2014)</ref>