Differenze tra le versioni di "Abu l-'Abbas Muhammad I"

nessun oggetto della modifica
(fonte)
Maometto I è ampiamente considerato come il più grande conquistatore nella [[storia dell'islam nell'Italia medievale]].<ref name=mag>{{harvnb|Magnusson|Goring|1990}}</ref>
 
Muḥammad era figlio del quarto emiro aghlabide, [[Abu ʿIqal al-Aghlab|Abū ʿIqāl al-Aghlab]]. Sotto il suo regno gli Aghlabidi continuarono la loro espansione nel [[Mediterraneo]], conquistando [[Taranto]], [[Bari]], [[Puglia]], e [[Messina]]. Nell'846 un esercito aghlabide [[Incursione saracena contro Roma (846)|saccheggiò]] le basiliche Romane di [[Basilica di San Pietro in Vaticano]] e S.[[Basilica di San Paolo fuori le mura]], e tentò di impadronirsi di [[Roma]] e [[Napoli]].<ref>[http://www.metmuseum.org/toah/ht/06/eust/ht06eust.htm Italian Peninsula, 500–1000 AD] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20081205030647/http://www.metmuseum.org/toah/ht/06/eust/ht06eust.htm |date=5 December 2008}}</ref> L'[[Emirato di Taranto]] e [[Emirato di Bari|quello di Bari]] presto si staccarono dagli [[Aghlabidi]], giurando fedeltà agli [[Abbasidi]] di [[Baghdad]].
 
Sotto il suo regno in [[Ifriqiya|Ifrīqiya]] l'agricoltura e il commercio fiorirono e vennero costruiti nuovi edifici urbani, come le grandi moschee di [[Susa (Tunisia)|Sousse]] e [[Sfax]]. Il regno di Muḥammad venne interrotto per un breve periodo dall'usurpazione del fratello Abū Jaʿfar Aḥmad, che come il suo contemporaneo abbaside [[al-Wathiq]], sostenne i [[Mutazilismo|mutaziliti]] e perseguitò i loro avversari [[sunniti]], ordinando l'esecuzione di alcuni di loro e facendo imprigionare altri, come il giurista [[malikita]] [[Sahnun|Saḥnūn]]. Quando Abū l-ʿAbbās Muḥammad riconquistò il trono nell'847, mandò suo fratello in esilio e ristabilì il sunnismo, nominando Saḥnūn [[qadi]] d'Ifrīqiya.
8

contributi