Differenze tra le versioni di "Bisentō"

22 byte rimossi ,  1 anno fa
nessun oggetto della modifica
{{S|arti marziali|armi bianche}}
{{Infobox arma
| Arma = Arma bianca
| Nome = ''Bisentō''
| Altra denominazione = 眉尖刀
| Tipo = [[Arma inastata]]
| Origine = {{JPN}}
| Utilizzatori = fanti contro la cavalleria
| Tipo di lama = a doppio taglio, ricurva
| Tipo di punta = tronca
| Tipo di manico = a due mani
}}Il {{Nihongo|'''bisentō''' o '''bisen-to'''|眉尖刀}}<ref>[http://books.google.com/books?id=6EEHNynxfd8C&pg=PA204&dq=bisento&hl=en&sa=X&ei=9IcbT6bvNJHctwfdo7SXCw&ved=0CD0Q6AEwAg#v=onepage&q=bisento&f=true ''The Way of the Ninja: Secret Techniques'', Masaaki Hatsumi, Ben Jones, Translated by Ben Jones, Kodansha International, 2004] ISBN 4770028059, ISBN 9784770028051 P.204</ref> <!--(adopted from China, the mighty Kwan-do/[[Guan dao]], from Kwan Gung/[[Guan Yu]]) --> è una [[Arma inastata|lancia lunga]] con una punta d'acciaio ricurva utilizzata nel [[Giappone feudale]].
 
Molto più pesante della [[naginata]] nella struttura, è usata per lo più come arma da allenamento per migliorare la propria [[Naginata-do]], ossia l<nowiki>'</nowiki>''arte dell'alabarda''. La storia di quest'arma è piuttosto oscura, e ne esistono diverse descrizioni: "una lunga spada a doppio taglio con una spessa lama troncata",<ref>[http://books.google.com/books?id=i0ni1NmbYe0C&pg=PA162&dq=bisento&hl=en&sa=X&ei=YGYbT9HUPJH4tgfs6ciYCw&sqi=2&ved=0CE4Q6AEwBg#v=onepage&q=bisento&f=true ''Handbook to life in medieval and early modern Japan'' , William E. Deal, Oxford University Press, 2007], ISBN 0-19-533126-5, ISBN 978-0-19-533126-4 P.162</ref> "un'arma simile ad una lancia con una lama terminale tipo [[scimitarra]]",<ref>[http://books.google.com/books?id=HpPrkaGF-9sC&pg=PA37&dq=bisento&hl=en&sa=X&ei=BXgbT6n7E4GutweOgZ2kCw&ved=0CGAQ6AEwCDgK#v=onepage&q=bisento&f=true ''Tuttle dictionary of the martial arts of Korea, China & Japan, Daniel Kogan, Sun-Jin Kim Editor Sun-Jin Kim, Compiled by Daniel Kogan, Sun-Jin Kim, Contributor Sun-Jin Kim, Tuttle Publishing, 1996''], ISBN 0-8048-2016-3, ISBN 978-0-8048-2016-5 P.37</ref> "un'arma ad asta che assomiglia ad un'[[alabarda]], con una lunga e pesante lama ricurva".<ref>[http://books.google.com/books?id=MuNLyoXB-8oC&pg=PA52&dq=bisento+spear&hl=en&sa=X&ei=eH0bT7WGAoLNtgeU-9CPCw&sqi=2&ved=0CDAQ6AEwAA#v=onepage&q=bisento%20spear&f=true ''Ninja: The Invisible Assassins'', Japanese Arts Series, Andrew Adams, Black Belt Communications, 1970], ISBN 0-89750-030-X, ISBN 9780897500302 P.52</ref> I [[Kukishin Ryu|Kukishinden Ryu]] affermano che l'arma sia stata introdotta dalla [[Cina]] durante il [[V secolo|quinto secolo]]; questo farebbe del ''bisen-to'' il precursore più probabile della [[naginata]]. Usata nella guerra come arma contro i cavalieri, sarebbe stata usata sia contro il cavallo che contro il cavaliere.
1 147

contributi