Differenze tra le versioni di "Papa Giovanni Paolo I"

m
nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
m
 
=== Luciani vescovo di Vittorio Veneto ===
[[File:Luciani vescovo.jpg|thumb|left|upright=0.7|Albino Luciani vescovo di [[Vittorio Veneto]].]][[File:Casa Natale Luciani.jpg|thumb|upright=1.4|La casa natale visitabile vista da via XX Agosto]]
[[File:Vescovoluciani.jpg|thumb|Albino Luciani vescovo di [[Vittorio Veneto]].]]
Luciani prese possesso della [[diocesi]] l'11 gennaio [[1959]]. Il "periodo vittoriese" sarà decisivo per la sua formazione. Iniziò subito le [[visita pastorale|visite pastorali]] nelle parrocchie. Luciani, che mai in vita pensò alla carriera ecclesiastica, lasciò [[Belluno]] a malincuore, prendendo le redini di una diocesi con i bilanci in grave passivo: infatti, quelli erano gli anni in cui lo [[Istituto per le Opere di Religione|IOR]], meglio conosciuto come Banca Vaticana, era entrato in crisi.
Il 17 ottobre [[2012]] (giorno del centenario della sua nascita) il [[vescovo]] [[Feltre|feltrino]] [[Enrico dal Covolo]] ha consegnato nelle mani del [[cardinale]] [[Angelo Amato]], prefetto della [[Congregazione per le Cause dei Santi]], il ''Summarium testium'', il primo dei quattro documenti che contribuiranno a preparare la ''Positio'' sulle virtù eroiche del servo di Dio Giovanni Paolo I.
 
Nell'aprile [[2015]] la [[diocesi di Vittorio Veneto]] comunica che il miracolo non è stato riconosciuto tale dalla commissione di esperti incaricati; pertanto il processo di [[beatificazione]] di Albino Luciani risulta bloccato in attesa di un nuovo miracolo. <ref>{{Cita news|url=http://messaggeroveneto.gelocal.it/pordenone/cronaca/2015/04/26/news/l-intervista-parla-pizziolo-1.11309219|data=26 aprile 2015|titolo=Papa Albino Luciani non sarà beato subito|autore=Enri Lisetto|giornale=Messaggero Veneto}}</ref> e nell'agosto [[2015]] il vescovo di Belluno-Feltre [[Giuseppe Andrich]] comunica che la ''Positio'' è terminata, avvalendosi della testimonianza personale del [[papa emerito]] [[Benedetto XVI]] e il processo di beatificazione è avviato a conclusione.<ref>{{Cita news|url=http://m.ilmessaggero.it/m/messaggero/articolo/PRIMOPIANO/1535347|titolo=Copia archiviata|pubblicazione=|accesso=30 agosto 2015|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20151006122353/http://m.ilmessaggero.it/m/messaggero/articolo/PRIMOPIANO/1535347|dataarchivio=6 ottobre 2015|urlmorto=sì}}</ref>
 
Nell'agosto [[2015]] il vescovo di Belluno-Feltre [[Giuseppe Andrich]] comunica che la ''Positio'' è terminata, avvalendosi della testimonianza personale del [[papa emerito]] [[Benedetto XVI]] e il processo di beatificazione è avviato a conclusione.<ref>{{Cita news|url=http://m.ilmessaggero.it/m/messaggero/articolo/PRIMOPIANO/1535347|titolo=Copia archiviata|pubblicazione=|accesso=30 agosto 2015|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20151006122353/http://m.ilmessaggero.it/m/messaggero/articolo/PRIMOPIANO/1535347|dataarchivio=6 ottobre 2015|urlmorto=sì}}</ref>
 
Nel luglio [[2016]] si viene a conoscenza di un nuovo miracolo di papa Luciani in [[America Latina]] ed anche del nuovo postulatore della causa di beatificazione: il cardinale [[Beniamino Stella]], prefetto della [[Congregazione per il clero]], che prende il posto del vescovo Enrico dal Covolo.<ref>{{Cita news|http://corrierealpi.gelocal.it/belluno/cronaca/2016/07/07/news/papa-luciani-c-e-un-nuovo-miracolo-1.13777967}}</ref>
 
== La memoria di papa Luciani a Canale d'Agordo ==
[[File:F.019.jpg|thumb|Interno del Museo Albino Luciani]]
In questo piccolo paese nel bellunese dove egli nacque, oggi meta di pellegrinaggi verso la sua figura, troviamo:
* La piazza principale a lui dedicata.
* Nella chiesa Pievanale, la statua dell'Umiltà di Riccardo Cenedese (1982)
* Davanti alla casa natale una formella bronzea per il centenario della sua nascita (2012) sul lato sinistro il piccolo Albino e sul lato opposto lui da papa con la mano chinata come nell'accarezzare un bambino. Il 27 giugno 2019 la [[diocesi di Vittorio Veneto]] ne acquista la proprietà aprendola per la prima volta ai fedeli il 3 agosto dello stesso anno.
 
=== Il Museo Albino Luciani - MUSAL e Centro Studi ===
{{Vedi anche|Museo Albino Luciani}}
[[File:F.019.jpg|thumb|Interno del Museo Albino Luciani]]
Dal [[1978]] è stato costituito a Canale d'Agordo un museo provvisorio di foto e ricordi del pontefice che era ubicato nella canonica dell'arciprete e aperto solo nei mesi estivi. Dopo trentotto anni di distanza dall'elezione a papa, il 26 agosto 2016 (con la presenza del cardinale [[Segretario di Stato Vaticano]] [[Pietro Parolin]]) è stato inaugurato il nuovo innovativo Museo Albino Luciani MUSAL.
 
=== Via Crucis con papa Luciani ===
Il 22 agosto [[2008]] gli è stata dedicata una [[Via Crucis]] itinerante, partendo dalla prima stazione in Piazza Papa Luciani (davanti alla canonica), poi si prosegue in direzione del bosco di "Cavallera" per arrivare quasi alla fine del confine tra Canale e [[Caviola]], (comune di [[Falcade]]). La Via Crucis si snoda in un percorso di 2&nbsp; km e le stazioni sono su grandi massi di roccia bianca su cui sono state posizionate 15 formelle artistiche in bronzo, della "Passione di Cristo", realizzate dell'artista falcadino [[Franco Murer]].
 
== Giovanni Paolo I nel ricordo dei suoi successori ==
682

contributi