Differenze tra le versioni di "Basilica di Santa Maria della Sanità"

==== Cappelle laterali ====
[[File:Transetto.jpg|thumb|left|Vista sul transetto sinistro]]
[[File:Basilica di Santa Maria della Sanità. (8466).jpg|miniatura|[[Pacecco De Rosa]] San Tommaso d'Aquino che riceve il cingolo della castità]]
La prima cappella di sinistra vede insistere sull'altare maggiore il dipinto di [[Agostino Beltrano]] del 1654 circa raffigurante ''San Biagio tra i Santi Antonino e Raimondo d Penafort''.<ref name=T377/> Nella seconda cappella, dedicata a [[Giacinto Odrovaz|San Giacinto]], si trova la tela di [[Luca Giordano]] dello ''Sposalizio mistico di Santa Rosa da Lima'' databile intorno 1671.<ref name=T377/> La terza cappella a sinistra è consacrata all'[[Annunciazione]], raffigurata anche nel dipinto della ''Madonna del Rosario'' di [[Giovanni Bernardo Azzolino]] del 1629 collocato sull'altare maggiore; l'ambiente inoltre vede alle pareti laterali due tele ovali del XVIII secolo di [[Gaspare Traversi]] con ''Santa Margherita da Città di Castello'' sulla destra e ''Santa Margherita d'Ungheria'' sulla sinistra.<ref name=T377/> La quarta cappella, corrispondente al transetto sinistro, vede sull'altare la grande tela della ''Circoncisione'' realizzata intorno al 1610 da [[Giovan Vincenzo da Forli]], probabilmente completando un'opera commissionata ed avviata da [[Caravaggio]], per la quale ricevette 150 ducati;<ref>{{Cita libro|autore=Saccà Virgilio|titolo=Michelangelo da Caravaggio. Pittore.|editore=Archivio Storico messinese|edizione=VII|anno=1906|pagina=60 e seguenti}}</ref> sul lato di destra della cappella è collocato il dipinto di ''San Domenico che diffonde il Rosario'' di [[Giovanni Balducci]] del 1623 mentre entro una nicchia più in fondo è una ''Madonna col Bambino'' di anonimo autore del XVI secolo, sulla parete di sinistra è invece la seicentesca ''Santa Lucia'' firmata da [[Girolamo De Magistro]].<ref name=T377/> La quinta cappella ha sulla parete frontale una tela di anonimo ottocentesco raffigurante i ''Martiri di Nagasaki'', al lato sinistro invece una tela di Filippo Donzelli raffigurante ''San Michele Arcangelo''.<ref name=T377/> Nella sesta cappella, intitolata a [[San Tommaso d'Aquino]], è collocato il dipinto raffigurante ''San Tommaso che riceve il cingolo della castità'' datato 1652 di [[Pacecco De Rosa]]; qui si conserva anche un'antica cattedra episcopale databile tra VI e VIII secolo.<ref name=T377/> La settima cappella, dedicata al Santissimo Crocifisso, ha sull'altare di sinistra il dipinto di Luca Giordano con l'''Estasi della Maddalena'' del 1671-72 e ai lati ''Santa Marta'' e ''San Lazzaro'' entrambi di [[Francesco Solimena]] databili al XVIII secolo. L'ottava e ultima cappella, alla sinistra dell'abside, infine, si compone sulla parete frontale di un crocifisso ligneo eseguito da anonimo autore e datato alla fine del Settecento.<ref name=T377/>
 
Utente anonimo