Differenze tra le versioni di "Confine tra la Repubblica del Congo e la Repubblica Democratica del Congo"

m
WPCleaner v2.01 - Fixed using Wikipedia:Check Wikipedia (Doppie quadre non chiuse - Errori comuni)
m (WPCleaner v2.01 - Fixed using Wikipedia:Check Wikipedia (Doppie quadre non chiuse - Errori comuni))
|causa scomparsa =
}}
Il '''confine tra la [[Repubblica del Congo]] e la [[Repubblica democratica del Congo]]''' descrive la linea che separa i due [[stato|stati]]. Ha una lunghezza di {{M|2410 km|k|m}}.
 
==Storia==
Dalla fine della guerra fredda, le tensioni persistono. Nel [[1997]], durante la guerra civile che si oppose all'esercito regolare e alle milizie del presidente [[Pascal Lissouba]] contro le milizie di [[Denis Sassou-Nguesso]], il presidente del Congo-Kinshasa, [[Joseph Kabila]], mandò le truppe attraverso il fiume a puntare artiglieria su Kinshasa da Brazzaville. I conflitti interni ed esterni che entrambi i paesi attraversano regolarmente causano lo sfollamento dei rifugiati, nonché traffico di combattenti e armi. Il [[confine]], in particolare nella sua porzione di terra è stato teatro di numerosi traffici illegali (armi leggere, droghe), in particolare durante gli [[anni '90]] (periodo di guerre civili sul lato e sul lato del confine).
 
C'è anche una pressione migratoria lungo il confine, che si traduce in disparità economiche tra i due paesi: grazie al reddito generato dall'estrazione di petrolio, la [[Repubblica del Congo]] è oggi uno dei paesi più ricchi dell'[[Africa sub-sahariana]] (secondo i dati del FMI, PIL / hab. A parità di potere d'acquisto nel [[2018]] è di 6.706 dollari internazionali), mentre la [[Repubblica Democratica del Congo]] è la penultima gamma della classificazione stabilita secondo i dati del FMI, con 785 dollari internazionali per abitante. Una proporzione notevole ma difficile da valutare (le stime vanno dal 10 al 25%) della popolazione di Brazzaville è originaria di Kinsasa. Nell'[[autunno]] [[2009]], i disordini nella provincia dell'Ecuador (nella Repubblica Democratica del Congo) hanno provocato l'attraversamento del confine di circa 115.000 persone.<ref>{{Cita web|url = http://www.jeuneafrique.com/article_depeche.php?idarticle=20100430T110111Z20100430T110104Z}}</ref>
 
==Note==