Differenze tra le versioni di "Ferrovia Massaua-Asmara"

nessun oggetto della modifica
== Materiale rotabile ==
La dotazione della ferrovia consiste sommariamente in:
* sei locomotive a vapore [[Società Italiana Ernesto Breda per Costruzioni Meccaniche|Breda]] [[Locomotiva FE 202|gruppo 202]];
* una locomotiva a vapore [[Anatole Mallet|Mallet]] [[Ansaldo]] [[Locomotiva FS R.440|gruppo 440]];
* quattro locomotive a vapore Mallet Ansaldo [[Locomotiva FS R.442441|gruppo 442441]];
* quattro locomotive a vapore Mallet Ansaldo [[Locomotiva FS R.442|gruppo 442]];
* due [[Automotrice|automotrici]] diesel [[Fiat]] del [[1930]] ("''Littorine''");
* otto locomotive a vapore Mallet da 30 t;
* due [[Automotrice|automotrici]] diesel [[Fiat]] del [[19301935]] ("''Littorine''");
* due locomotori diesel Krupp Bo-Bo del [[1957]];
* un locotrattore Dewry, acquistato dagli inglesi;
* diversi vagoni passeggeri;
* numerosi carri merci, chiusi ed a pianale, dispersi nei parchi di deposito e lungo la linea.
Nel 1952 sono state demolite 5 locomotive a vapore Breda [[Locomotiva FE 201|gruppo 201]].
 
== Note ==
== Bibliografia ==
=== Fonti ===
* Paolo Bartolozzi, ''Treni italiani in Eritrea'', in "''[[I Treni Oggi]]"'' n. 37 (marzo 1984).
* {{cita web |1=http://www.gips.unisi.it/files/wp18.pdf |2=Stefano Maggi, ''"Le ferrovie nell’Africa italiana: aspetti economici, sociali e strategici''", relazione presentata al seminario ''"Nineteenth century transport history. Current trends and new problems''", Istituto Universitario Europeo, Fiesole, 20 maggio 1994 |accesso=22 dicembre 2010 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20110722063813/http://www.gips.unisi.it/files/wp18.pdf |dataarchivio=22 luglio 2011 |urlmorto=sì }}.
* Gian Guido Turchi, ''Treni italiani d'Eritrea'', Editrice Trasporti su Rotaie, 2003.
* {{cita web |1=http://www.ilcornodafrica.it/st-meleca2015littorine.pdf |2=Vincenzo Meleca, "Locomotive e Littorine d'Eritrea,"|accesso=27 inagosto https://web.archive.org/web/20161120003447/http://www.ilcornodafrica.it/n-meleca2015littorine.pdf2019 }}
* {{cita web |1=http://www.maitacli.it/ferrovie-dell-eritrea/238-ferrovie-dell-eritrea-1880-1941-1952.html |2=Cristoforo Barberi, "Ferrovie dell'Eritrea (1880-1941-1952)"|accesso=27 agosto 2019 }}
* Orario ferroviario generale Pozzo, ''Ferrovie e linee automobilistiche coloniali'', quadro 18, del 20 giugno 1936.
 
 
== Collegamenti esterni ==
* {{cita web|http://www.ferroviaeritrea.it/|ferroviaeritrea.itLa Ferrovia Eritrea|accesso=22 agosto 2019}}
* {{cita web|http://www.trainweb.org/eritrean/|Sito sulle ferrovie in Eritrea, di Ralph Reinhold}}
* {{cita web|http://www.trainweb.org/eritrean/scrapbook/who/ferrovie-coloniali/ch2-eritrea/capitolo-ii-eritree.html|Storia delle ferrovie in Eritrea - Capitolo II}}
* {{cita web|http://www.trainweb.org/eritrean/scrapbook/where/maps/map.jpg|Mappa CTI della linea (1938)}}
* {{cita web|http://www.trainweb.org/eritrean/scrapbook/who/dave_engstrom/eritrea1941.htm|La ferrovia eritrea durante la guerra}}
* {{cita web|http://www.miol.it/stagniweb/mappe/tci29a2_.jpg|Mappa CTI della tratta di valico (1929)}}
* {{cita web|http://www.massimoromandini.it/download/1983.pdf|Saggio sui trasporti nella Colonia Eritrea dal 1897 al 1907|formato=pdf}}
* [https://web.archive.org/web/20120516023750/http://www.railwaygazette.com/news/single-view/view/eritrea-using-local-resources-to-revitalise-its-railway.html L'Eritrea usa le risorse locali per rivitalizzare la sua ferrovia] ''[[Railway Gazette International]]'', giugno 2006
* [http://www.ilcornodafrica.it/st-fer.htm Le ferrovie eritree] ''di Nicky Di Paolo'' (con foto, anche d'epoca)
 
{{Colonialismo italiano}}
Utente anonimo