Bypass aorto-coronarico: differenze tra le versioni

(Cambiato l'anno nella seconda frase dell'introduzione. Come confermato dalla traduzione inglese di questa pagina, il primo intervento avvenne nel 1960.)
* [[Arteria toracica interna]] - L'arteria toracica interna (o mammaria) ha oggi un utilizzo più elevato nei bypass. Questo metodo ha una durata maggiore (dopo dieci anni il 95% dei bypass è in ottime condizioni). Inoltre è meno invasivo in quanto l'arteria mammaria non viene spostata di sede.
* [[Arteria radiale]] - Se la perfusione dell'avambraccio è garantita dalle altre arterie e altri vasi non sono utilizzabili per l'intervento, talvolta si utilizza questa arteria.
* Tecniche recenti - Per aumentare l'efficacia dall'intervento si stanno sperimentando e utilizzando metodi recentissimi come i [[graft]] arteriosi, la Y arteriosa e l'uso dell'[[arteria gastroepiploica destra]]<ref name="pmid21885067">{{cita pubblicazione |autore=Giuseppe Tavilla |coautore=Eline F. Bruggemans |anno=2011 |titolo=Avoiding sternotomy in repeat coronary artery bypass grafting: Feasibility, safety, and mid-term outcome of the transabdominal off-pump technique using the right gastroepiploic artery. |rivista=J Thorac Cardiovasc Surg|PMID=21885067 |lingua=EN}}</ref>.
 
==Benefici==
Utente anonimo