Differenze tra le versioni di "Proto-punk"

176 byte aggiunti ,  6 mesi fa
Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0
m (Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS)
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0)
Sempre negli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]], nel [[1969]], vengono pubblicati due album di debutto di due gruppi originari del [[Michigan]], considerati allo stesso modo tra gli archetipi dei dischi ''proto-punk'': ''[[Kick Out the Jams]]'' degli [[MC5]] e [[The Stooges (album)|album omonimo]] degli [[The Stooges|Stooges]]. Registrato dal vivo al Grand Ballroom di [[Detroit]], l'album degli [[MC5]], testimonia tutta la capacità del gruppo di portare la loro leggendaria energia sul palco. Come scrisse il critico del ''[[Rolling Stone]]'', [[Lester Bangs]]:
 
{{Citazione|Musicalmente il gruppo è intenzionalmente grezzo ed aggressivamente crudo. Gran parte delle canzoni sono difficilmente distinguibili tra di loro nella loro struttura a due accordi. Avrete sentito tutto questo anche dei the Seeds, [[Blue Cheer]], [[? & the Mysterians|Question Mark and the Mysterians]] e dei the Kingsmen. La differenza in questo caso [...] è nella promozione, nella forte sfumatura di rivoluzione adolescenziale ed energia totale che riguarda questo scorcio di iarde di scarti di stereotipi e rumore sgradevole. [...] ''I Want You Right Now'' suona esattamente (fino ai testi) come una canzone chiamata ''I Want You'' dei [[The Troggs]], un gruppo britannico arrivato un paio di anni fa con una simile immagine di sesso e suono crudo (ricordate ''Wild Thing''?)|Lester Bangs, ''Rolling Stone''<ref>[https://www.rollingstone.com/artists/mc5/albums/album/105316/review/5941601/kick_out_the_jams MC5: ''Kick Out the Jams''] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20100324040756/http://www.rollingstone.com/artists/mc5/albums/album/105316/review/5941601/kick_out_the_jams |date=24 marzo 2010 }} critica di Lester Bangs, ''[[Rolling Stone]]'', 5 aprile 1969.</ref>|Most of the songs are barely distinguishable from each other in their primitive two-chord structures. You've heard all this before from such notables as the Seeds, Blue Cheer, Question Mark and the Mysterians, and the Kingsmen. The difference here [...] is in the hype, the thick overlay of teenage-revolution and total-energy-thing which conceals these scrapyard vistas of clichés and ugly noise. [...] ''I Want You Right Now'' sounds exactly (down to the lyrics) like a song called ''I Want You'' by The Troggs, a British group who came on with a similar sex-and-raw-sound image a couple of years ago (remember ''Wild Thing''?)|lingua=en}}
[[File:Iggy pop davis b&w 1.jpg|thumb|upright=0.6|[[Iggy Pop]], il ''padrino del punk''.]]
[[The Stooges (album)|The Stooges]], prodotto da [[John Cale]], combina invece la brillantezza [[rock and roll]] di [[Chuck Berry]] con la psichedelia dei [[The Doors]] e di [[Jimi Hendrix]] e con le ''oscure'' sonorità dei [[Velvet Underground]]. Le chitarre distorte di [[Ron Asheton]] formano un vero e proprio muro del suono contro cui vanno a scontrarsi gli assoli e i riff di chitarra e il canto di [[Iggy Pop]]. Pur essendo diventato negli anni un album di culto per aver preceduto e quasi originato il fenomeno punk, all'epoca il disco vendette poco, facendo solo una fugace apparizione alla posizione 106 nella [[Billboard 200]].
1 063 021

contributi