Differenze tra le versioni di "Mariana Mantovana"

m
Bot: Formattazione delle date; modifiche estetiche
m (Bot: aggiungo template {{Collegamenti esterni}} (ref))
m (Bot: Formattazione delle date; modifiche estetiche)
{{Vedi anche|Alto Mantovano}}
{{...|centri abitati}}
[[File:Wv Mariana Mantovana banner.jpg|thumbminiatura|centercentro|upright=3.2|Via del centro]]
 
== Storia<ref>[http://halleyweb.com/c020032/zf/index.php/servizi-aggiuntivi/index/index/idtesto/1 Comune di Mariana Mantovana - La storia di Mariana Mantovana]</ref> ==
La leggenda vuole che Mariana Mantovana abbia preso il nome da [[Caio Mario]], in onore della sua vittoria sui [[Cimbri]] ottenuta tra Verona e Mantova. Non si sono trovate tracce di Mario ma il territorio di Mariana Mantovana è probabilmente fra quelli distribuiti ai legionari nel corso della centuriazione della pianura mantovana operata a favore dei veterani romani nel [[I secolo]] prima dell'era comune. Bisogna attendere l'anno [[1111]] per trovare la prima citazione di Mariana Mantovana: in quest'anno il conte ''Uberto di [[Conti di Sabbioneta|Sabbioneta]]'', figlio di [[Bosone II (conte)|Bosone II]] è testimone dell'investitura dell'abate dell'[[Abbazia di San Tommaso]], ''Pietro di Acquanegra'', dell'Abbazia della Gironda di [[Bozzolo (Italia)|Bozzolo]]. Per alcuni secoli le vicende del Borgo seguirono quelle di Brescia al cui territorio il contado apparteneva e della cui diocesi faceva parte la parrocchia. Dopo la scomparsa dei [[Conti di Sabbioneta]] il comune di Brescia concesse Mariana Mantovana in feudo alla famiglia [[Ugoni-Longhi]]. Gli Ugoni-Longhi, conti di [[Casalodi]] conservarono il feudo sino agli inizi del '400.
 
All'inizio del [[1400]]Quattrocento il feudo di Mariana ed il castello vennero assegnate ai [[Dal Verme]], il primo assegnatario è il condottiero [[Taddeo Dal Verme]]<ref>[https://condottieridiventura.it/taddeo-dal-verme-di-verona/ Condottieri di ventura - Taddeo Dal Verme]</ref>, che combatté e difendette il territorio in alleanza con i [[Visconti]] di Milano e la [[Repubblica di Venezia]] contro i [[Gonzaga]], assieme a questo feudo gli venne assegnato anche il feudo di Correggioverde ([[Dosolo]]). Diritti ereditati dal di lui figlio ''Eleuterio'' che lasciò in eredità tutti i feudi al conte imperiale di [[Sanguinetto]], [[Luigi Dal Verme]], conte di [[Bobbio]] e [[Voghera]], ma nel [[1437]] verranno confiscati tutti i feudi veneti per la definitiva alleanza con Milano.
 
Non ci sono notizie certe di Mariana Mantovana per un lungo periodo, ma probabilmente le sue vicende furono influenzata dagli eventi di Brescia contesa a lungo tra i Gonzaga ed i Visconti di Milano assieme alla Repubblica di Venezia.
Una parte del feudo venne concessa arbitrariamente da [[Gianfrancesco Gonzaga]] nel [[1412]] al conte [[Carlo Albertini]], di Prato dichiarato poi decaduto ed incarcerato con i fratelli, accusati di aver organizzato un colpo di stato contro i Gonzaga. Nel [[1427]] [[Asola (Italia)|Asola]], il principale centro del territorio, passò sotto il dominio di Mantova, ma un'insurrezione popolare cacciò le milizie gonzaghesche e la comunità decise di darsi spontaneamente alla Repubblica veneta. I tentativi di Venezia di assoggettare anche i borghi limitrofi portarono a una lunga controversia con Mantova per la delimitazione dei confini. Dopo una serie conflitti le parti affidarono il compito di arbitro a [[Francesco Sforza]], che divise il territorio marianese in due settori: la [[Castello di Mariana Mantovana|Rocca di Mariana Mantovana]], con parte del territorio restò ai [[Gonzaga]], il resto di Mariana andò alla [[Repubblica di Venezia]] accorpandolo al territorio di Asola. È da allora che si aggiunse a Mariana Mantovana l'aggettivo ''Mantovana'', per distinguerla dalla porzione presa dai veneziani.
 
La guerra del 1630, e le conseguenti occupazione e peste causarono danni notevoli e duraturi provocando la decadenza delle attività economiche, visto che negli archivi non si trovano più richieste per la riconferma dei privilegi. Dopo l'occupazione austriaca due avvenimenti caratterizzano la vita del paese nel 1700: il passaggio della parrocchia sotto la diocesi di Mantova ed la ridefinizione dei confini del trattato di Vaprio, che diede al territorio del comune l'assetto attuale.
 
== Monumenti e luoghi d'interesse ==
* Palazzo Bonatti
* [[Castello di Mariana Mantovana|Castello]], di cui è rimasta solo la torre.
* [[Oratorio dei Campi Bonelli]], dell'[[XI secolo]] con il campanile romanico e alcuni affreschi di scuola quattrocentesca.
 
== Società ==
=== Evoluzione demografica ===
{{Demografia/Mariana Mantovana}}
 
== Cultura ==
{{...|centri abitati|arg2=cultura}}
 
{{...|centri abitati}}
 
== Note ==
<references/>
[[File:Mariana Mantovana-Oratorio Campi Bonelli.jpg|thumbminiatura|leftsinistra|[[Oratorio dei Campi Bonelli]]]]
 
== Bibliografia ==
* {{cita libro|Leandro|Zoppè|Itinerari gonzagheschi|1988||Milano|cid=cidZoppè|isbn=88-85462-10-3}}
* {{cita libro|Renato|Bonaglia|Mantova, paese che vai...|1985|Mantova}} {{NoISBN}}.
* {{cita libro|Pierino|Pelati|Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica|1996||Asola}}
 
== Voci correlate ==
491 835

contributi