Differenze tra le versioni di "Giove in doppiopetto"

Produzione: sviluppi e fonti
(Produzione: sviluppi e fonti)
settembre 1954.
==Produzione==
Dopo la trilogia composta da ''[[Attanasio cavallo vanesio]]'', ''[[Alvaro piuttosto corsaro]]'', ''[[Tobia la candida spia]]'' (1952-54), rappresentazioni ritenute oggi le prime commedie musicali italiane in assoluto (anche se gli autori vollero definirle ''favole musicali'', riservando la denominazione di ''commedia musicale'' solo a quelle che seguirono), unicamente per ''Giove in doppiopetto'' [[Garinei e Giovannini|G&G]] crearono e vollero in cartellone la definizione di ''avventura musicale'' per evidenziarne la particolarità. L'opera segnò infatti il completamento della trasformazione del teatro musicale leggero avviata due anni primai<ref>{{Cita web|url=https://www.operette.it/operetta_giove_in_doppio_petto.php|titolo=Giove in doppio petto - Scheda Spettacolo Operetta - Torino|sito=www.operette.it|accesso=2019-10-01}}</ref><ref>{{Cita web|url=https://associazioneladolcevita.wordpress.com/2015/06/25/carlo-dapporto-nello-sketch-tratto-dal-film-giove-in-doppiopetto1954-la-prima-grande-commedia-musicale-del-cinema-italiano/|titolo=Carlo Dapporto nello sketch del “bacio con le pere”, tratto dal film “Giove in doppiopetto” (1954), la prima grande commedia musicale del cinema italiano.|autore=Domenico Palattella|sito=Associazione Cinematografica "La Dolce Vita"|data=2015-06-25|accesso=2019-10-01}}</ref><ref>{{cita pubblicazione|url=http://www.radiocorriere.teche.rai.it/Download.aspx?data=AQAAANCMnd8BFdERjHoAwE/Cl+sBAAAABLQdF/2qS0WLqyvuzHhdOgQAAAACAAAAAAADZgAAwAAAABAAAABb72vGT2WXnz5dDRlWRMj8AAAAAASAAACgAAAAEAAAAJu+eXzZsRek0WtHX4G/i4EQAAAAxfAAR+M76S2dCiJKqtpUpxQAAADPfIh9VYebxOi5KjZEriyeILt9ZA==|titolo=Una spalla ideale|pubblicazione=[[Radiocorriere TV]]|numero=29|anno=1976|citazione=Fu quello lo spettacolo di Garinei e Giovannini che sconfisse la rivista tradizionale}}</ref>. La rivista era definitivamente superata: non più episodi singoli, ma tutti assieme sul palcoscenico si dialogava, si cantava e si ballava in un'unica trama. Essendo la prima rapresentazione di teatro musicale leggero del tutto emancipata dagli schemi della rivista, Giove in doppiopetto viene da molti autori considerata la prima vera commedia musicale<ref>"la prima commedia musicale era stata ritagliata come un vestito addosso a Carlo Dapporto, l'ultimo dei grandi della rivista che ancora mancava all'appello di G&G" (Lello Garinei - Marco Giovannini, cit)</ref>. Di questo salto definitivo erano convinti innanzitutto gli autori, soprattutto dopo il loro viaggio a New York per studiare dal vivo i musical del momento a Broadway. [[Garinei e Giovannini|G&G]] avevano solo una certa esitazione a utilizzare l'espressione "commedia musicale" perché, poteva un po' sconvolgere un pubblico ancora diviso fra cercatori del nuovo e conservatori attaccati alla tradizionale rivista, genere che rimaneva ben vivo e ancora riempiva le sale<ref name=":0">{{Cita libro|autore=Lello Garinei|autore2=Marco Giovannini|titolo=Quarant'anni di teatro musicale all'italiana|editore=Rizzoli|p=93}}</ref>. Ma ci pensarono i giornali e riviste a sdoganare il nuovo termine, in diversi articoli che parlando di questa nuova opera lo utilizzano per la prima volta.<ref>{{Cita web|url=http://archivio.corriere.it/Archivio/interface/view_preview.shtml?reason=unauthenticated&cat=2&cid=1434320133&pids=PO&credits=1&origin=http%3A%2F%2Farchivio.corriere.it%2FArchivio%2Finterface%2Fview.shtml|titolo=Archivio Corriere della Sera|sito=archivio.corriere.it|accesso=2019-10-03}}</ref>
 
[[Carlo Dapporto]] fu protagonista assieme a un personaggio femminile di tipo nuovo, non più la soubrette tradizionale ma un'''anti-soubrette'', che colpisse il pubblico con il carattere, la vivacità e il dinamismo in scena.<ref name="mame">{{cita web|url=https://spettacolo.mam-e.it/tag/delia-scala/|titolo=Delia Scala|opera=Dizionario dello Spettacolo Mame|data=4 aprile 2012}}</ref> Per quel ruolo fu scelta un'attrice-ballerina-cantante quasi priva di esperienze teatrali precedenti ma che inventò sé stessa sul momento e decretò il successo dello spettacolo: [[Delia Scala]].<ref>{{Cita pubblicazione|autore=|titolo=Giove in doppiopetto di Garinei e Giovannini ieri sera al Lirico|rivista=Corriere d'Informazione|volume=|numero=28 settembre 1954|url=http://archivio.corriere.it/Archivio/interface/view.shtml#!/NjovZXMvaXQvcmNzZGF0aWRhY2kyL0A3MDg1Mg%3D%3D}}</ref> ParticolarmenteL'altra protagonista femminile, Lucy D'Albert, già molto nota e ammirata, molto nota e entusiasmanteammirata per ill'alta pubblicostatura fisica e la bellezza rispondente ai canoni del momento, sembrava destinata a oscurare la sconosciuta un po' bassina, senza curve proprompenti, che solo poteva vantare una formazione da ballerina. E invece fu quest'ultima, con la propria sorprendente verve, a esaltare le platee<ref name=":0" />. Paul Steffen seppe per lei creare coreografie fantasiose e ardite, e il pubblico impazziva ogni sera alla scena del "mambo dei grappoli" in cui la Scala, in un numero di [[danza acrobatica]], la Scala saltava su un tamburo-tinozza elastico compiendo 24 volte una spaccata in aria.<ref name="mame" /><ref>{{Cita libro|titolo=Dizionario dello spettacolo del '900, Baldini&Castoldi, 1998}}</ref> ''Giove in doppiopetto'' fu la prima commedia musicale italiana a rimanere in cartellone per più di due stagioni.<ref name="mame" /><ref>{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=|titolo=Il ritorno di Giove vestito in doppiopetto|rivista=Corriere d'Informazione|volume=|numero=29 settembre 1955|url=http://archivio.corriere.it/Archivio/interface/view.shtml#!/MjovZXMvaXQvcmNzZGF0aWRhY2kyL0A0OTQ0NQ%3D%3D}}</ref>
 
== Trama ==
== Bibliografia ==
* Mariagabriella Cambiaghi (a cura di), ''Il teatro di Garinei e Giovannini'', Bulzoni 1999
* LelloPietro Garinei - Marco Giovannini,''Tutto G&G''Quarant'anni di teatroIl meglio della commedia musicale all'italian''a, RizzoliGremese 19851996
*Pietro Garinei,''Tutto G&G'' – Il meglio della commedia musicale, Gremese 1996
* Morando Morandini, ''Sessappiglio. Gli anni d'oro del teatro di rivista'', Il Formichiere 1978
* Mariagabriella Cambiaghi (a cura di), ''Il teatro di Garinei e Giovannini'', Bulzoni, 1999, pp.492.
1 601

contributi