Differenze tra le versioni di "Romanioti"

14 byte aggiunti ,  3 mesi fa
m
fix link
m (fix link)
m (fix link)
Una tradizione orale romaniota fissa l'arrivo dei primi ebrei a [[Giannina]] poco dopo la distruzione del [[Secondo Tempio]] nel [[70]] d.C. Secondo il Nuovo Testamento [[San Paolo]] pregò in numerose [[sinagoghe]] ebraiche in Grecia.
 
[[Beniamino di Tudela]] registra l'esistenza di ebrei a [[Corfù]], [[Arta (Grecia)|Arta]], [[Aphilon]], [[Patrasso]], [[Corinto]], [[Tebe (Grecia)|Tebe]], [[Calcide]], [[Salonicco]] e [[Drama (Tracia)|Drama]]. La comunità più grande era quella di [[Tebe (Grecia)|Tebe]] che contava circa 2000 membri, dediti principalmente alla tintura dei tessuti, alla tessitura e nella produzione di seta. Questi ebrei erano conosciuti a quei tempi come "Romanioti".
 
Quando le ondate di [[sefarditi]] che arrivavano dalla [[Spagna]] con l'espulsione del 1492, si stabilirono nella [[Grecia]] dell'[[impero ottomano]]; essi erano più ricchi, più orgogliosi e più colti e si separarono dai ''Romanioti''. [[Salonicco]], in [[Macedonia (regione storica)|Macedonia]], ebbe una della più estese (la maggior parte erano Sefarditi) comunità ebraiche nel mondo e una solida tradizione rabbinica. Nell'isola di [[Creta]], gli Ebrei ebbero un ruolo importante nei trasporti.
125 367

contributi