Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231: differenze tra le versioni

m
== Le istituzioni ==
=== Il Comitato di Sicurezza Finanziaria ===
La regia complessiva delle politiche in materia di prevenzione del riciclaggio è attribuita al [[Ministri dell'economia e delle finanze della Repubblica Italiana|Ministro dell'economia e delle finanze]] che si avvale, a tal fine, del Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF) presieduto dal Direttore generale del Tesoro e composto da rappresentanti del Ministero dell'interno, del [[Ministero della giustizia]], del [[Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale]], della [[Banca d’Italia]], della [[CONSOB]], dell'[[IVASS]], dell'[[Unità di informazioneInformazione finanziariaFinanziaria per l'Italia]] (UIF), della [[Guardia di Finanza]], della [[Direzione investigativa antimafia]] (DIA), dell'[[Arma dei Carabinieri]] e della [[Direzione nazionale antimafia]] (DNA).
 
=== Unità di Informazione Finanziaria (UIF) ===
40

contributi