Aldo Cazzullo: differenze tra le versioni

sostituita Bibliografia con Opere
(premio e fonte, spostata sezione note)
(sostituita Bibliografia con Opere)
Ha dedicato oltre venti libri alla storia e all'identità italiana, sia in chiave critica - come ''Outlet Italia'' (2007), ''L'Italia de noantri'' (2009) - che in difesa della storia e delle potenzialità del nostro Paese. ''Viva l'Italia!'' (2010), ''Basta piangere!,'' (2013),'' Possa il mio sangue servire'' (2015), ''Metti via quel cellulare'' (2017), scritto con i figli, hanno tutti superato le centomila copie; ''La guerra dei nostri nonni'' le duecentomila. Ha vinto il premio Estense nel 2006 per ''I grandi vecchi'' e, tra gli altri, i premi Fregene, Hemingway, Cinqueterre, il Premio Nazionale Anpi "Benedetto Fabrizi", il premio letterario "La Tore Isola d'Elba" per il romanzo ''La mia anima è ovunque tu sia'' (70.000 copie, pubblicato in Germania da Beck), il [[Premio Procida-Isola di Arturo-Elsa Morante]]<ref>{{Cita web|url = http://www.premioprocidamorante.it/albo-vincitori/|titolo = Albo vincitori "Isola di Arturo"|sito = premioprocidamorante.it|accesso = 9 maggio 2019}}</ref>. Con il libro ''L'Italia s'è ridesta. Viaggio nel Paese che resiste e rinasce'' ha vinto il premio Giovanni Spadolini 2013, con ''Basta piangere!'' il premio Maria Grazia Cutuli, con ''La guerra dei nostri nonni'' il premio Biagio Agnes. Ha vinto inoltre anche il Premio "Buone Notizie 2013", consegnato a Caserta nel gennaio dello stesso anno. Ha due figli, Francesco e Rossana. Dal 10 gennaio [[2017]] è titolare della [[rubrica (giornalismo)|rubrica]] delle lettere del [[Corriere della Sera]], succedendo a [[Sergio Romano]]<ref>{{cita web|url=http://www.primaonline.it/2017/01/09/251968/|titolo=Da domani la pagina delle lettere ‘Lo dico al Corriere’ è firmata da Aldo Cazzullo|accesso=14 gennaio 2017|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20180529054258/http://www.primaonline.it/2017/01/09/251968/|dataarchivio=29 maggio 2018|urlmorto=no}}</ref>. Il 19 settembre [[2018]] esce nelle librerie il suo ultimo libro, ''Giuro che non avrò più fame. L'Italia della Ricostruzione'', edito da [[Arnoldo Mondadori Editore|Mondadori]], suo editore storico.
 
== BibliografiaOpere ==
* ''Il mal francese. Rivolta sociale e istituzioni nella Francia di Chirac'', Roma, Ediesse, 1996. ISBN 88-230-0244-3.
* ''Dio d'oriente. Viaggio di un dotto fiorentino alle Indie'', Pavia, Liber Internazionale, 1996. ISBN 88-8004-046-4.