Differenze tra le versioni di "Yad Vashem"

→‎Obiettivi: il grassetto non è adatto in questo contesto per la sintassi standard
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0)
(→‎Obiettivi: il grassetto non è adatto in questo contesto per la sintassi standard)
 
== Obiettivi ==
È il 1957 quando il Memoriale apre al pubblico, ovvero nove anni dopo la nascita dello [[Stato di Israele]] e circa quindici anni dopo l'[[Olocausto]]<ref>[http://www.itraveljerusalem.com/it/city/jerusalem/yad-vashem/ L'apertura al pubblico a circa quindici anni dell'olocausto]</ref>. Il Memoriale è fondato su un obiettivo principe, un "dovere" cardine che ha a che fare con tutta la [[cultura ebraica]]<ref name="pbmstoria.it">{{Cita web |url=http://www.pbmstoria.it/dizionari/storiografia/lemmi/263.htm |titolo=Storia e memoria ebraica in ''Dizionario di Storiografia'' |accesso=12 settembre 2015 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20150722035625/http://www.pbmstoria.it/dizionari/storiografia/lemmi/263.htm |dataarchivio=22 luglio 2015 |urlmorto=sì }}</ref> e la sua [[Identità ebraica|identità]]<ref name="Ebrei: popolo della memoria">{{Cita web |url=http://www.pbmstoria.it/dizionari/storiografia/lemmi/263.htm |titolo=Ebrei: ''popolo della memoria'' |accesso=12 settembre 2015 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20150722035625/http://www.pbmstoria.it/dizionari/storiografia/lemmi/263.htm |dataarchivio=22 luglio 2015 |urlmorto=sì }}</ref><ref name="Zakhor 1982">''Zakhor. Storia ebraica e memoria ebraica'', di Yosef Hayim Yerushalmi, (edizione originale inglese, 1982), [[Pratiche Editrice]], Parma 1983</ref>: '''Ilil ricordo'''<ref name="Il Ricordo nella cultura ebraica">[http://www.yadvashem.org/yv/en/education/languages/italian/educational_materials/testimony_teaching.asp "Il Ricordo" nella cultura ebraica]</ref><ref name="doppiozero.com">Introduzione di [[Harold Bloom]] al saggio ''Zakhor. Storia ebraica e memoria ebraica'', di Yosef Hayim Yerushalmi: [http://www.doppiozero.com/sites/default/files/allegati/Introduzione%20di%20Harold%20Bloom.pdf]</ref>.<br />
Un ricordo, quello di Yad Vashem, non fine a se stesso e inteso come solo atto cognitivo, ma che deve implicare "azioni". Shira Magen, dell'''International School for Holocaust Studies'' di Gerusalemme così lo spiega:<br />
[[File:140217 Yad Vashem 1598 (12609340744).jpg|thumb|left|Lavori in una sala conferenze di Yad Vashem]]