Differenze tra le versioni di "Istituto di studi comunisti"

Corretto errore di battitura
(Corretto errore di battitura)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile Modifica da applicazione Android Modifica da mobile avanzata
L''''Istituto di studi comunisti''' (meglio conosciuto come '''Scuola delle Frattocchie''') è stata la scuola centrale del [[Partito Comunista Italiano|Partito comunista italiano]]. Fu fondata nell'ottobre del 1944 e trovò sede (dopo una brevissima permanenza a Roma) presso una villa donata al Partito nella frazione di [[Frattocchie]]. Denominata inizialmente "Scuola centrale quadri "[[Andrej Aleksandrovič Ždanov]]", mutò nome nel 1950 in "Istituto [[Palmiro Togliatti|Togliatti]]", nel 1955 divenne "Istituto di studi comunisti", e, dal gennaio 1973, "Istituto di studi comunisti Palmiro Togliatti".
 
"L'Istituto si inseriva nel sistema di formazione politica e ideologica a struttura piramidale previsto dal Partito che forniva – a diversi livelli – differenti 'tipi' di acculturazione"<ref>[http://guida.archivigramsci.it/index.php?option=com_content&view=article&id=201&Itemid=697 Scheda dell'Archivio della Fondazione Istituto Gramsci] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20141204173150/http://guida.archivigramsci.it/index.php?option=com_content&view=article&id=201&Itemid=697 |data=4 dicembre 2014 }}</ref>. In particolare l'Istituto serviva alla formazione dei quadri e dirigenti centrali e federali. Furono direttori dell'Istituto [[Armando Fedeli]], [[Carlo Farini (politico)|Carlo Farini]], [[Paolo Robotti]], [[Luigi Amadesi]], [[Mario Spinella]], [[Enrico Berlinguer]], [[Pietro Valenza]], [[Gastone Gensini]], [[Giuseppe Dama]], [[Bruno Bertini]], [[Luciano Gruppi]], [[Corrado Morgia]] e [[Franco Ottaviano]]. Tra il 1955 e il 1956 pubblicò "Scuola comunista": periodico dell'Istituto di studi comunisti. La scuola cessò le attività nel 1993.
209

contributi