Differenze tra le versioni di "Grace Kelly"

nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile Modifica da applicazione iOS
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile Modifica da applicazione iOS
La figlia Stéphanie, che sedeva accanto, riuscì miracolosamente a salvarsi, pur riportando ferite serie e diffuse [[Frattura (medicina)|fratture]], ma fu la prima a essere estratta dall'automobile, rovesciata sul fianco destro, mentre le condizioni della madre Grace, già livida e [[Stato di coscienza|priva di conoscenza]], apparvero purtroppo da subito disperate.<ref>Lacey, p. 131</ref>
La principessa Grace fu immediatamente trasportata all'[[Ospedale Principessa Grace|ospedale]]<ref>Ospedale che dal 1958 porta il suo nome, il ''Centre Hospitalier Princesse Grace''.</ref> di [[La Colle (Monaco)|La Colle]], dove venne operata d'urgenza dal medico professor Jean Duplay. Tuttavia, tutta la notte intera e il giorno successivo, ogni tentativo di rianimazione per lei fu inutile e l'emorragia cerebrale, ormai troppo estesa, la portò presto al decesso alle 22:30.<ref>http://www.iltempo.it/politica/2014/07/15/news/e-morta-grace-kelly-stroncata-da-unemorragia-947732/</ref>
Dopo quasi due giorni di apprensione da parte della popolazione monegasca e non solo, la notizia ufficiale della sua morte venne divulgata ufficialmente soltanto il giorno successivo e per alcuni giorni fu proclamato a Monaco il [[Funerali di Stato|lutto cittadino]].
In seguito all'[[autopsia]] emersero gravi fratture craniche e agli arti, nonché l'esistenza di due [[Emorragia cerebrale|emorragie cerebrali]]: la prima lieve e più profonda, mentre una seconda più estesa e ormai fatale; in base a questo referto, il personale medico ipotizzò che, probabilmente, mentre lei era alla guida, fu avvertito un malore già in corso, causato da un piccolo [[ictus]], un'ischemia che le fece perdere conoscenza e quindi il controllo della vettura.<ref>{{cita web|url=https://www.nytimes.com/2007/06/25/arts/25iht-grace.1.6309958.html|titolo=Princess Grace's legacy: Public lives and private grief|editore=nytimes.com|data=25 giugno 2007|accesso=7 settembre 2014}}</ref>
Utente anonimo