Differenze tra le versioni di "Sante Monachesi"

nessun oggetto della modifica
Nel 1932 è tra i fondatori del ''Gruppo Futurista Marchigiano Umberto Boccioni, Futuristi nelle Marche'', con [[Bruno Tano]] e altri artisti, Nel 1934 in occasione delle onoranze di Giacomo Leopardi nell'Esposizione d'arte antica e moderna a Recanati, tiene la sua prima personale di pittura e scultura. È l'inizio di un intenso ritmo espositivo che vede Monachesi partecipare alle principali manifestazioni del terzo decennio sia in Italia che all'estero. Nel 1937 partecipa all'Esposizione Universale di Parigi con l'opera “La gran luce”. Nel 1938 espone un'opera di aeropittura, ”La grande volta” all'Esposizione nell'Art Department della Columbia University di New York e nello stesso anno alla XXI Biennale di Venezia. Nel 1939 espone alla III Quadriennale di Roma, con la presentazione di [[Filippo Tommaso Marinetti]].
 
[[File:Paesaggio_-_1955_-_Collezione_Privata.jpg|thumb|left|upright=0.9|Paesaggio, 1955, Olio su Tela]]
Dopo l'esperienza futurista proietta la sua ricerca nella elaborazione di una poetica figurativa attraverso larghi piani cromatici e sintetiche profilature che caratterizzano la sua pittura negli anni quaranta e cinquanta. Sono di questo periodo i temi pittorici più noti di Monachesi, ispirati anche al suo soggiorno a Parigi nel dopoguerra; come le “Parigi” i ”Muri ciechi”, i “Fiori”e le “Clownesses”. Partecipa nel 1943 alla IV Quadriennale di Roma. Nel 1945 sempre a Roma insieme a De Chirico e Mafai espone alla galleria San Bernardo.
 
{{Colonne fine}}
</div>
 
[[File:Paesaggio_-_1955_-_Collezione_Privata.jpg|thumb|left|upright=0.9|Paesaggio, 1955, Olio su Tela]]
 
== Note ==
24 500

contributi