Differenze tra le versioni di "Silvio Orlando"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  2 mesi fa
m
→‎Biografia: "berlusconiana" si scrive con la minuscola, come tutti gli aggettivi italiani
m (→‎Biografia: "berlusconiana" si scrive con la minuscola, come tutti gli aggettivi italiani)
A 9 anni perse la madre e nel 1975 esordì suonando il flauto traverso nel gruppo musicale del "Centro Culturale Giovanile" di Napoli con Bruno Tabacchini, Enrico Gonzales, Paolo Stravato nello spettacolo "Nascette 'mmiez 'o mare". L'anno successivo incomincia la carriera di attore nella scena teatrale napoletana. Ha lavorato con vari registi del [[cinema italiano]], come [[Nanni Moretti]], [[Daniele Luchetti]], [[Paolo Virzì]], [[Michele Placido]], [[Carlo Mazzacurati]], [[Pupi Avati]], [[Gabriele Salvatores]] e altri. Ha preso parte a diverse serie televisive come ''[[Zanzibar (serie televisiva)|Zanzibar]]'', dove interpreta Domenico Tagliuti, un tranviere napoletano, tifoso di [[Maradona]], che si sente settentrionale, ''[[Emilio (programma televisivo)|Emilio]]'', ''[[Vicini di casa (serie televisiva)|Vicini di casa]]'' (insieme [[Teo Teocoli]] e [[Gene Gnocchi]]) e ''[[Padri e figli (miniserie televisiva 2005)|Padri e figli]]'' (a fianco di [[Vittoria Belvedere]] e [[Rocco Papaleo]]).
 
Nel [[1993]] diretto per la seconda volta da [[Gabriele Salvatores]] è protagonista insieme con [[Antonio Catania]] di ''[[Sud (film)|Sud]]''. Sempre nel [[1993]] ha interpretato il suo primo ruolo drammatico in una [[serie televisiva]], ''[[Felipe ha gli occhi azzurri 2]]''. Nel [[1996]] è uno dei protagonisti di uno degli ultimi lavori del regista [[Sergio Citti]] ''[[I magi randagi]]'' (a fianco di [[Gastone Moschin]] e [[Patrick Bauchau]]), oltre alla splendida partecipazione in ''[[Ferie d'agosto]]'', film di [[Paolo Virzì]] che analizza i rapporti tra destra e sinistra nell'Italia neo Berlusconiana-berlusconiana.
 
Nel [[2000]] vince il [[Nastro d'argento]] come migliore attore protagonista per l'interpretazione nel film ''[[Preferisco il rumore del mare]]'' di [[Mimmo Calopresti]]. L'anno seguente prende parte al film vincitore della Palma d'oro a Cannes ''[[La stanza del figlio]]'' di [[Nanni Moretti]]. Sempre nel [[2001]] è uno dei protagonisti del film ''[[Luce dei miei occhi]]'' di Giuseppe Piccioni, nel quale per la prima volta affronta il ruolo di "cattivo"; la pellicola gli vale la nomination ai [[David di Donatello (premio)|David di Donatello]] come migliore attore non protagonista. Nel [[2006]] partecipa come protagonista al film di [[Nanni Moretti]] ''[[Il caimano]]'', film grazie al quale vince il [[David di Donatello (premio)|David di Donatello]] come migliore attore protagonista.