Differenze tra le versioni di "Riflessione diffusa"

m
nessun oggetto della modifica
m
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale Modifica da mobile avanzata
m
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale Modifica da mobile avanzata
Il meccanismo esposto è molto generale, perché quasi tutti gli oggetti che ci circondano sono fatti di materiali "non monolitici". I minerali sono di solito [[policristallo|policristallini]]: possiamo descriverli come un mosaico tridimensionale di [[Cristallite|cristallini]] cementati fra di loro. I materiali organici sono composti da fibre o da [[cellula|cellule]], con le loro pareti e con una struttura interna complessa e non omogenea. E ogni interfaccia, disomogeneità o imperfezione può deviare, riflettere o diffondere la luce, riproducendo così lo schema che abbiamo descritto sopra.
 
Tra i pochi materiali che non seguono questo meccanismo vi sono:
Tra i pochi materiali che non seguono questo meccanismo vi sono i metalli, che non permettono alla luce di entrare perché la riflettono o la assorbono violentemente (in uno spazio che di solito è inferiore ad una lunghezza d'onda della luce); i gas, i liquidi e le sostanze amorfe (vetri, polimeri come il [[plexiglas]] o il [[policarbonato]]), che di solito non hanno discontinuità interne; i cristalli singoli, ''[[monocristallo|monocristallini]]'', come un diamante o un cristallo di sale; e materiali molto speciali, come i tessuti che compongono la [[cornea]] e il [[cristallino]] degli occhi. Questi materiali possono però riflettere (o trasmettere) diffusamente la luce se la loro superficie è irregolare, come quella di un vetro smerigliato, o, naturalmente, se la loro struttura omogenea [[cataratta|si deteriora]], come può avvenire per il cristallino degli occhi.
 
- i metalli, che non permettono alla luce di entrare perché la riflettono o la assorbono violentemente (in uno spazio che di solito è inferiore ad una lunghezza d'onda della luce)
 
- i gas, i liquidi e le sostanze amorfe (vetri, polimeri come il [[plexiglas]] o il [[policarbonato]]), che di solito non hanno discontinuità interne
 
- i cristalli singoli, ''[[monocristallo|monocristallini]]'', come un diamante o un cristallo di sale
 
- materiali molto speciali, come i tessuti che compongono la [[cornea]] e il [[cristallino]] degli occhi.
 
Questi materiali possono però riflettere (o trasmettere) diffusamente la luce se la loro superficie è irregolare, come quella di un vetro smerigliato, o, naturalmente, se la loro struttura omogenea [[cataratta|si deteriora]], come può avvenire per il cristallino degli occhi.
 
===[[Riflessione speculare]]===
563

contributi