Differenze tra le versioni di "Storia dell'islam nell'Italia medievale"

==== L'insediamento musulmano di [[Lucera]] ====
{{Vedi anche|Insediamento musulmano di Lucera}}
Dal [[1220]], Federico II, al fine di ricondurre alla ragione le riottose popolazioni saracene di Sicilia, decise di trasferirle in un insediamento più gestibile: fu scelta la zona di [[Insediamento musulmano di Lucera|Lucera]], in [[Puglia]]; qui, nel [[1239]], sembra non si contassero più di dodici abitanti di religione cristiana. ''Lūshīra'' (o ''Lūjāra''), conobbe in quel periodo una notevole fioritura, tanto che ben presto venne paragonata, dai viaggiatori e dagli storici musulmani di allora, alla [[Cordova]] dei califfi{{Senza fonte}}. Nell'anno [[1300]], dopo che i musulmani di Lucera rifiutarono di prestargli obbedienza, [[Carlo II d'Angiò]] decise che la città dovesse essere interamente distrutta e gli abitanti musulmani massacrati. I sopravvissuti furono venduti come schiavi.<ref>Ahmad Aziz, ''A history of Islamic Sicily'', Edinburgh, 1975.</ref>
 
== Gli attacchi alle coste tirreniche, liguri e adriatiche ==
Utente anonimo