Differenze tra le versioni di "Giuseppe Gennaioli"

Nel [[1943]] pubblica ''I restauri del Duomo. 12 sonetti nel dialetto del Borgo'', in occasione della conclusione degli impegnativi lavori di restauro della [[Duomo di Sansepolcro|Cattedrale di Sansepolcro]], promosso dal vescovo [[Pompeo Ghezzi]]. Protagonisti sono i travi e le colonne della cantoria sopra l’ingresso principale, tutti destinati alla sostituzione o alla eliminazione. Travi e colonne presentano i caratteri della gente: c’è chi si lamenta e chi invece spera in un futuro migliore. Dai dialoghi esce fuori una sana saggezza popolare, intrisa di un poco di conoscenza di testi sacri. L’autore alla fine non si lascia sfuggire l’occasione di condannare la guerra<ref>Sulla poetica del Gennaioli cfr. E. Mattesini, ''La Divina Commedia di don Giuseppe Gennaioli e altri testi in vernacolo borghese'', Città di Castello1991.</ref>. Nelle quartine finali esprime una polemica contro la guerra in atto che evidenzia l'allontanamento dal regime fascista, che in un primo tempo il Gennaioli aveva sostenuto vedendo nell'opera di Mussolini la restaurazione di un ordine sociale.
 
Poesie inedite si conservano nell'[[Archivio Storico Diocesano di Sansepolcro]]<ref>Sansepolcro, Archivio Storico Diocesano, Archivio Vescovile, sezione ''Clero diocesano'', serie ''Sacerdoti'', fasc. ''Gennaioli Giuseppe''.</ref>.
 
==Altre opere==
Utente anonimo