Differenze tra le versioni di "Comunità ebraica di Napoli"

 
===Novecento===
{{cn|La comunità ebraica di Napoli nel [[1920]] contava quasi 1.000 membri. Nel settembre del [[1942]] trentasei giovani ebrei napoletani, ai quali dalle leggi razziali del [[1938]] era vietato andare in guerra, furono confinati a [[Tora e Piccilli]], piccolo comune a nord di [[Caserta]], per essere impiegati in lavori agricoli. Nei mesi successivi alcune famiglie dei confinati ed altre raggiunsero Tora e Piccilli per sfuggire ai bombardamenti che fra la fine del 1942 e gli inizi del 1943 stavano martoriando Napoli. Dopo l'8 settembre 1943 i circa cinquanta ebrei furono nascosti dagli abitanti del luogo, trovando rifugio nei boschi circostanti e riuscendo a salvarsi dalle deportazioni.
 
Dopo la [[seconda guerra mondiale]], la comunità ebraica di Napoli contava 534 membri, ridottisi a circa 300 membri.}}
Utente anonimo