Differenze tra le versioni di "Marina (One Piece)"

nessun oggetto della modifica
{{Nihongo|'''Sengoku'''|センゴク}} è inizialmente il grand'ammiraglio della Marina, ma dopo la battaglia di Marineford si dimette dal suo incarico, rimanendo nell'organizzazione come ispettore generale per addestrare le nuove reclute<ref name="SBS68">''One Piece'', SBS del volume 68</ref>. Nella seconda parte della storia, ha 79 anni<ref>''One Piece'', SBS del volume 82</ref>. Sengoku appare quasi sempre serio e tranquillo, nonché estremamente fedele al Governo mondiale. Non dà molto credito ai pirati e ai membri della [[Flotta dei Sette]] e sembra sospettare di loro anche se non esita a richiamarne i membri per i loro doveri nei confronti del Governo. Segue il concetto della giustizia neutrale. Grazie alla sua posizione all'interno della Marina è venuto a conoscenza di molti segreti del Governo, come la verità dietro l'annientamento di Ohara e il segreto della [[Universo di One Piece#Volontà della D.|D.]]<ref name=vivre7 />. Sengoku ha ingerito il frutto Zoo Zoo mitologico [[Frutti del diavolo#Zoo Zoo mitologici|Homo Homo, modello Buddha]]<ref>''One Piece'', SBS del volume 60</ref>: ciò gli consente di trasformarsi in un gigantesco [[buddha]] dorato con una forza spaventosa e in grado di creare devastanti onde d'urto dal palmo della mano. Per via dei suoi poteri è noto come {{Nihongo|"Il Buddha"|仏|Hotoke}}, "Il misericordioso" nell'edizione italiana dell'anime<ref>''One Piece'' (ed. italiana), episodio 151</ref>; inoltre, data la sua grande intelligenza tattica nelle battaglie, è chiamato da molti {{nihongo|"Stratega"|智将|Tomoyuki}}<ref>''One Piece'', volume 57, capitolo 556</ref>, e possiede tutti e tre i tipi di Ambizione<ref name=vivre7>''One Piece vivre card'', volume 7</ref>.
 
Assieme a [[#Monkey D. Garp|Monkey D. Garp]], fu uno dei protagonisti della lotta ai pirati ai tempi di [[Gol D. Roger]] e [[Edward Newgate|Barbabianca]]. Ventinove anni prima dell'inizio della narrazione, s'imbatté nel giovane [[Donquijote Rosinante]] e lo prese sotto la sua ala, affezionandoglisi sempre più nel corso degli anni, fino al punto da considerarlo un figlio: a dimostrazione di ciò, anni dopo, Sengoku rimarrà devastato dalla notizia della sua morte, per mano del fratello stesso di Rosinante, [[Donquijote Do Flamingo]]<ref>''One Piece'', capitolo 798</ref>. Dopo che Roger si costituì alla Marina, [[Personaggi di One Piece#Pirati Rocks|Shiki]], uno dei suoi più acerrimi avversari, invase Marineford per essere lui a uccidere il rivale, scontrandosi proprio con Sengoku e Garp, venendo sconfitto. Appare per la prima volta durante la riunione del Governo mondiale per decidere il successore di Crocodile nella Flotta dei Sette. A Marineford rivela a tutti i presenti che [[Portuguese D. Ace]] è il figlio di Roger<ref>''One Piece'', volume 56, capitolo 550</ref> ed escogita un piano per risolvere velocemente la battaglia, che prevede l'utilizzo dei [[Pacifista (One Piece)|Pacifista]] e l'anticipazione dell'esecuzione di Ace. Grazie a uno stratagemma riesce a far ferire Barbabianca da [[Quattro Imperatori#Squardo|Squardo]], uno dei suoi pirati alleati, e quando Rufy giunge sul patibolo tenta di giustiziare lui stesso Ace, ma nel farlo distrugge il palco agevolando suo malgrado la fuga dei due pirati<ref>''One Piece'', volume 58, capitolo 571</ref>. A seguito dell'arrivo di [[Shanks (personaggio)|Shanks]] sul campo di battaglia, annuncia la fine del conflitto<ref name="v59c580">''One Piece'', volume 59, capitolo 580</ref>. A seguito della decisione del Governo Mondiale di nascondere la verità sull'evasione di massa a Impel Down, Sengoku decide di dimettersi dal grado di Grand'ammiraglio. Nei due anni trascorsi ha assunto l'incarico di Ispettore Generale della Marina che, secondo Tsuru, date le minori responsabilità che pone sulle spalle dell'ex-Marine lo ha reso molto più rilassato e tranquillo<ref>''One Piece'', volume 80, capitolo 796</ref>. In seguito alla sconfitta di Do Flamingo, si reca con Tsuru a Dressrosa per scortare il pirata a Impel Down, e qui dialoga in privato con [[Trafalgar Law]] riguardo a Rosinante. È doppiato in giapponese da [[Takkō Ishimori]] e [[Tōru Ōkawa]] (ep. 703+) e in italiano da [[Paolo De Santis]].
 
=== Akainu ===
{{Nihongo|'''Monkey D. Garp'''|モンキー・D・ガープ|Monkī Dī Gāpu}} è un viceammiraglio della Marina; malgrado si dimetta al termine della battaglia di Marineford, rimane all'interno dell'organizzazione per istruire le nuove reclute e svolgere mansioni meno onerose. È il nonno del pirata [[Monkey D. Rufy]] e il padre del rivoluzionario [[Monkey D. Dragon]]. Nonostante la sua indubbia lealtà all'organizzazione, non persegue alcun ideale specifico di giustizia<ref name=vivre7/>. Soprannominato {{nihongo|"Il pugno"|ゲンコツ|Genkotsu}} a causa della leggendaria potenza dei suoi colpi, Garp era uno dei pochi a poter competere col Re dei pirati [[Gol D. Roger]] ed è pertanto considerato uno dei membri più rinomati e temuti della Marina. Le sue azioni eroiche e la sua fama gli avrebbero permesso di diventare ammiraglio, ma egli ha sempre rifiutato tale promozione poiché ricoprire tale grado avrebbe limitato molto la sua libertà di azione e lo avrebbe messo sotto il diretto controllo dei Nobili mondiali: infatti, malgrado sia indubbiamente fedele al Governo mondiale, Garp ha una pessima opinione dei Draghi Celesti e, complice anche il suo carattere impulsivo, irruente e sbadato, non teme di insultare loro o qualunque altro regnante a suo dire inadatto<ref name=cap905>''One Piece'', capitolo 905</ref>. Sebbene sia ormai anziano è ancora dotato di una forza fisica fuori dal comune, tanto che può utilizzare le sue braccia come dei veri e propri cannoni lanciando le palle di cannone a una velocità e a una potenza esorbitanti. Garp dispone inoltre di una enorme sfera di ferro attaccata a una catena, che utilizza per far affondare le navi nemiche.
 
Circa quarant'anni prima della narrazione corrente, affrontò i famigerati [[Personaggi di One Piece#Pirati Rocks|pirati Rocks]] presso {{nihongo|God Valley|ゴッドバレー|Goddo Barē}}, riuscendo ad avere la meglio su di loro facendo squadra con Gol D. Roger (che sarebbe in seguito diventato il suo più acerrimo avversario), guadagnandosi il soprannome di {{nihongo|"Eroe della Marina"|海軍の英雄|Kaigun no Eiyū}}<ref>Manga di One Piece, capitolo 957</ref>. Quando RufyRoger erafu ancoracatturato, unShiki, bambinouno lodei allenavasuoi perpiù farloacerrimi diventareavversari un(nonché Marineex-membro condei metodiRocks), noninvase proprioMarineford ortodossiintenzionato a uccidere il Re dei pirati, tantoma chesi Rufyscontrò affermaproprio dicon averGarp rischiatoe diSengoku, morireche piùlo disconfissero unae voltalo imprigionarono a Impel Down. Poco prima di essere giustiziato, il suo eterno rivale Roger gli affidò suo figlio [[Portuguese D. Ace]]: Garp portò il piccolo sull'isola Dawn e lo affidò a [[Curly Dadan]] insieme con il proprio nipote Rufy<ref>''One Piece'', volume 56, capitolo 551</ref>. Quando Rufy era ancora un bambino lo allenava per farlo diventare un Marine con metodi non proprio ortodossi, tanto che Rufy afferma di aver rischiato di morire più di una volta. Appare per la prima volta nel manga durante le miniavventure di Kobi e Hermeppo, quando deve scortare Morgan mano d'ascia in prigione; quest'ultimo riesce tuttavia a scappare prendendo suo figlio come ostaggio. Quando Hermeppo ritorna, Garp decide di prendere sotto la sua ala i due mozzi per allenarli e farli diventare dei marine. Fa visita a Rufy a Water Seven e in questa circostanza gli rivela l'esistenza dei [[Quattro Imperatori]] e l'identità di suo padre Dragon. Nonostante all'inizio affermi di non volere catturare Rufy, poco prima della partenza gli viene ordinato di arrestare il nipote, ma egli riesce a sfuggirgli. A Marineford è combattuto se affrontare i pirati in quanto membro della Marina o se agevolare il salvataggio di Ace. Blocca un primo tentativo di Marco di liberare Ace, ma all'arrivo di Rufy finge di essere messo fuori combattimento da un pugno del nipote. In seguito all'uccisione di Ace, è solo l'intervento tempestivo di Sengoku a fermarlo dal proposito di vendicarsi di Akainu. Dopo la guerra decide di dimettersi dal suo ruolo, ma accetta di rimanere nell'organizzazione per allenare le nuove reclute insieme con Sengoku<ref name="cap594"/>. Ricompare mentre scorta [[Personaggi di One Piece#Nettuno|Nettuno]], [[Personaggi di One Piece#Shirahoshi|Shirahoshi]] e i [[Personaggi di One Piece#Fratelli Tritoni|Fratelli Tritoni]] al Reverie; in questa occasione si scopre che ha mantenuto il suo grado di viceammiraglio<ref name=cap905 />. È doppiato da [[Hiroshi Naka]] e in italiano da [[Pietro Ubaldi]] (ep. 68-69) e [[Stefano Albertini]] (ep. 313+).
 
=== Smoker ===
1 200

contributi