Emivita (fisica): differenze tra le versioni

m
Annullate le modifiche di 5.90.68.1 (discussione), riportata alla versione precedente di Cipintina
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
m (Annullate le modifiche di 5.90.68.1 (discussione), riportata alla versione precedente di Cipintina)
Etichetta: Rollback
L'emivita dei materiali radioattivi varia da frazioni di [[secondo]] per i più instabili, fino a miliardi di anni per quelli che sono solo leggermente instabili. Il decadimento si dice avvenga da un ''[[nucleo atomico|nucleo]] genitore'' che produce un ''nucleo figlio''. Il decadimento può produrre [[particella alfa|particelle alfa]], [[particella beta|particelle beta]] e [[neutrino|neutrini]]. [[Raggi gamma]] possono essere prodotti al termine della diseccitazione del nucleo, ma questo avviene solo dopo che il [[decadimento alfa]] o [[decadimento beta|beta]] hanno avuto luogo.
 
Il [[decadimento radioattivo]] dà luogo ad una perdita di [[massa (fisica)|massa]], che viene convertita in energia ([[energia di disintegrazione]]) secondo la formula ''E = mc<sup>2</sup>''. Spesso il ''nuclide figlio'' è anch'esso radioattivo, e così via lungo una linea di varie generazioni successive di nuclei, fino al raggiungimento di un nucleo stabile. Nella tabella seguente sono mostrate le tre serie di decadimento riscontrabili in natura:
 
{| class="wikitable"
123 387

contributi