Differenze tra le versioni di "Regina Bianchi"

Figlia d'arte, nacque a [[Lecce]] nei camerini di un teatro; i genitori, entrambi attori napoletani (suo padre era di origine [[Francia|francese]]), erano in tournée con una compagnia di giro. Crebbe a [[Napoli]] e all'età di 16 anni venne scritturata da [[Raffaele Viviani]] prima e da [[Eduardo De Filippo]] poi, diventando così una delle più apprezzate attrici del [[teatro napoletano]]. In realtà la sua prima "apparizione" in un allestimento teatrale si era avuta quando la piccola Regina aveva solo 8 giorni.
 
Recitò anche nella compagnia di [[Peppino De Filippo]], fondata dopo la clamorosa separazione dei fratelli; lasciò le scene per 15 anni per farvi ritorno soltanto sul finire degli anni cinquanta (in realtà fu il suo compagno [[Goffredo Alessandrini]], ex marito di [[Anna Magnani]], che la costrinse ad abbandonare le scene per tutti questi anni affinché Regina badasse alle loro due figlie).
 
Diventò attrice protagonista in importanti commedie del teatro eduardiano, con interpretazioni ricche di pathos e di grande umanità: memorabile rimarrà la parte principale avuta in ''[[Filumena Marturano]]'', in sostituzione di [[Titina De Filippo]], senza dimenticare lavori come ''[[Sabato, domenica e lunedì]]'', ''[[Napoli milionaria!]]'' e ''[[Questi fantasmi!]]''. Ha interpretato opere, tra gli altri, di [[Carlo Goldoni|Goldoni]], [[Federico García Lorca|García Lorca]], [[Bertolt Brecht|Brecht]] e [[Luigi Pirandello|Pirandello]].
Utente anonimo