Differenze tra le versioni di "Paolo Alatri"

testo,fonti
m (Bot: Correzione di uno o più errori comuni)
(testo,fonti)
Si dedicò anche all'attività giornalistica. Scrisse per ''[[l'Unità]]'', ''[[Il Corriere della Sera]]'' e altri quotidiani. Fu redattore capo della rivista ''[[Ulisse (rivista)|Ulisse]]'' e collaboratore di ''[[Rinascita (rivista)|Rinascita]]'' e ''[[Studi Storici]]''.
 
Nel 1978 fu nominato primo presidente della neo-formata [[Società italiana di studi sul secolo diciottesimo|Società Italiana di Studi sul Secolo Diciottesimo]] (SISSD), in concomitanza con il congresso di studi sull'Illuminismo tenutosi a Pisa nel '78.<ref> Nota, in «Bollettino della Società Italiana di Studi sul Secolo Diciottesimo», pp. 9-11, vol. 2, 1979.</ref><ref>{{Cita pubblicazione|nome=Danilo|cognome=Siragusa|data=2016-07-26|titolo=La repubblica dei settecentisti. Storia della Società Italiana di Studi sul Secolo XVIII (1978-2015)|rivista=Diciottesimo Secolo. Rivista della Società Italiana di Studi sul Secolo XVIII|pp=Vol 1 (2016)–|accesso=2019-06-04|via = http://archive.is/wip/XdCGp/ archive.is] | doi=10.13128/ds-18693|url=http://www.fupress.net/index.php/ds/article/view/18693/17288}}</ref> Mantenne tale carica che mantenne fino alla morte.
 
Esperto di [[Unione Sovietica]], fu anche presidente dell'''Associazione Italia-Urss'' ([[1961]]-[[1970]]), e successivamente membro del suo comitato direttivo da cui si dimise nel [[1980]] per il trattamento riservato dalle autorità moscovite allo scienziato [[Andrei Sacharov]] («Non posso essere amico di chi si comporta come al tempo degli Zar» dichiarò in tale occasione<ref>La frase è riportata da [[Piero Melograni]]. Cfr. il [http://archiviostorico.corriere.it/1995/novembre/01/Paolo_Alatri_storia_come_impegno_co_0_9511011524.shtml sito dell'Archivio storico del Corriere della Sera]</ref>). È morto a Roma a settantasette anni nel [[1995]] a seguito di una malattia incurabile.
6 230

contributi