Differenze tra le versioni di "Fermo"

2 027 byte rimossi ,  9 mesi fa
Ripristino alla versione 109497670 datata 2019-12-18 16:59:23 di Rojelio tramite popup
m (Annullate le modifiche di 87.3.54.178 (discussione), riportata alla versione precedente di 80.182.99.203)
Etichetta: Rollback
(Ripristino alla versione 109497670 datata 2019-12-18 16:59:23 di Rojelio tramite popup)
==== Cisterne romane ====
{{vedi anche|Cisterne romane di Fermo}}
Le [[cisterne romane]] sono un'opera edilizia [[ipogeo|ipogea]] di [[età augustea]], della superficie di 2.212circa {{formatnum:2000}} metri quadrati divise in 30 camere poste su 3 file parallele, realizzate allo scopo di accumulare acqua. Lo stato di conservazione è ottimo e sono visitabili.
 
''Fermo divenne Colonia romana nel 264 a.C. e furono proprio i Romani a dare alla città il suo monumento più eccezionale ed unico nel suo genere, quello che da solo meriterebbe un viaggio: '''le "Grandi Cisterne".'''''
 
Ubicate sotto la Piazza del popolo, la loro costruzione risale al I° secolo d.C.; si estendono per 2.212 mq. e servivano come serbatoi d'acqua per l'intera città. Un complesso architettonico, perfettamente conservato, formato da trenta enormi sale sotterranee con arcate e volte a botte comunicanti tra loro e disposte su tre file parallele. Si riempivano di acqua di falda e un complicato sistema di ugelli e tubi consentiva di governarla secondo i cicli e le stagioni.
 
'''Roman Cisterns'''
[[File:Visita guidata cisterne romane.jpg|miniatura|Le Cisterne romane del 1° secolo d.C.]]
''Fermo became a Roman Colony in 264 B.C. and the Romans gave to the town its most estraordinary monument: the "Big Cistern". Located under Piazza Del Popolo, they were built during the 1° century AD; they essentially are an underground water tank 2.212 sq metre large. The Cisterns were used to harvest natural water for drinking use by the whole town. An architectonic complex, perfectly maintained, they are made of 30 enormous comminicating undergraund rooms with arches and barrel vaults built on parallel lines. They were filled with spring water and a complex communicating system allowed their management according to cycles and season.''
 
==== Piazza del Popolo ====
==== Teatro dell'Aquila ====
{{vedi anche|Teatro dell'Aquila}}
[[File:Fermo - Teatro dell'Aquila.JPG|thumb|Interno del Teatro dell'Aquila]]
Il Teatro dell'Aquila, con una capienza di circa {{formatnum:1000}} posti<ref>{{Cita web |url=http://teatro.fermo.net/public/DB1000012/LayoutP/main.asp?cc=3&cl=I&nco=TeatroPresentazione&mode=d&pg=0&chkPrz=0&cmpPrz1=&cmpPrz2=&db=DB1000012 |titolo=Città di Fermo - presentazione del Teatro dell'Aquila |accesso=21 ottobre 2008 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20090223202105/http://teatro.fermo.net/public/DB1000012/LayoutP/main.asp?cc=3&cl=I&nco=TeatroPresentazione&mode=d&pg=0&chkPrz=0&cmpPrz1=&cmpPrz2=&db=DB1000012 |dataarchivio=23 febbraio 2009 |urlmorto=sì }}</ref>, 124 palchi in cinque ordini e circa 350 metri quadrati di [[palcoscenico]], si colloca tra i più imponenti teatri del [[Settecento]] delle Marche e dell'[[Italia centrale]]. Inaugurato il 26 settembre 1790, il Teatro comunale "dell'Acquila" è da oltre 200 anni il centro dell'attività culturale delle Marche.
 
Centoventiquattro palchi distribuiti in cinque ordini a cornice della platea per una capienza complessiva di circa 1000 posti, pregevoli dipinti sul soffitto, un significativo sipario storico, splendidi e preziosi scenari autografi, (inizi 800) del celebrato scenografo del Teatro "alla Scala" Alessandro Sanquirico, un palcoscenico di circa 350 metri quadrati ma soprattutto un'acustica perfetta: sono solo alcune della peculiarità che fanno di questo Teatro il più grande della Regione e uno dei più blasonati d'Italia.
 
=== Architetture militari ===
64 607

contributi