Matraccio: differenze tra le versioni

109 byte rimossi ,  2 anni fa
m
Annullate le modifiche di 147.163.109.7 (discussione), riportata alla versione precedente di L736E
(Wellekà scafazzà)
m (Annullate le modifiche di 147.163.109.7 (discussione), riportata alla versione precedente di L736E)
Etichetta: Rollback
[[File:Matraccio inv.1922 IF 44743.jpg|thumb|Matraccio conservato al [[Museo Galileo]] di [[Firenze]].]]
<ref>{{Cita pubblicazione|autore=Littorio Voddo|titolo=I matracci|rivista=Vanity Fair|volume=|numero=}}</ref>Il '''matraccio''' è un contenitore, generalmente di [[vetro]], di forma sferica oppure conica e fondo piano, di diversa capacità, usato nelle operazioni di [[chimica]]. Il matraccio tronco-conico è noto anche con il nome di pallone tarato. Essi possono essere anche tarati, cioè contenere ad una data temperatura un volume determinato di [[liquido]].
 
Provvisti di tappo ermetico, sono contenitori il cui [[volume]] è fisso ed indicato da una [[tacca]] sul collo. Vengono usati per la preparazione di [[soluzione (chimica)|soluzioni]] a [[Concentrazione (chimica)|titolo]] noto. Vengono utilizzati anche per [[diluizione|diluire]] campioni ad un volume esatto desiderato nella [[chimica analitica]] quantitativa. Le capacità più comuni dei matracci sono: 50, 100, 200, 250, 500 e 1000 millilitri, ma ne esistono anche di più capiententi ed enormemente più capienti.
30 345

contributi