Differenze tra le versioni di "Disco fonografico"

* decenni
m (Bot: aggiungo template {{Collegamenti esterni}} (ref))
(* decenni)
Il '''disco fonografico''' o '''grammofonico'''<ref name="sapere">{{Sapere|disco|Memorizzazione su disco: disco fonografico}}</ref> è un supporto utilizzato per la [[registrazione sonora]], inventato da [[Emile Berliner]] e introdotto nel [[1889]].<ref name="sapere"/>
 
L'invenzione è generalmente attribuita a [[Emile Berliner]], introdotto in commercio negli [[Stati Uniti]] nel 1889. I dischi erano più facili da produrre, trasportare e immagazzinare, e avevano il vantaggio di essere più forti (marginalmente) dei cilindri, che per necessità, erano incisi da un solo lato. Le vendite dei dischi superarono quelle dei cilindri intorno al 1910, ed entro la fine della [[prima guerra mondiale]] il disco divenne il formato dominante nella registrazione commerciale. Edison, che era il principale produttore di cilindri, creò la [[Edison Disc|Edison Disc Record]], nel tentativo di riconquistare il suo mercato. In varie trasformazioni, il formato del disco audio è diventato il mezzo principale per le registrazioni audio di consumo fino alla fine del [[XX secolo]], e la doppia facciata del [[78 giri]] in gommalacca, è stato il formato standard di musica di consumo dal 1910 alla fine degli [[anni 1950| anni cinquanta]].
 
Il disco [[microsolco]] di [[Cloruro di polivinile|vinile]] venne inventato dall'ingegnere ungherese [[Peter Carl Goldmark]]. Esso venne introdotto nei tardi [[anni 1940|anni quaranta]] e i due principali formati furono il ''7 pollici'' o [[singolo (musica)|singolo]] che girava a [[45 giri]] ed il ''12 pollici'' o [[Long playing|LP]] (long-playing) che girava a [[33 giri]]. La sostituzione totale dei 78 giri avvenne nel corso degli [[anni 1950|anni cinquanta]]. Il vinile offriva migliori risultati, sia nella stampa che nella riproduzione, e veniva generalmente letto da un puntina in [[diamante]] e quando suonato nel modo appropriato (esatto peso di tracciamento, etc.) offriva una durata maggiore del supporto. I dischi in vinile vennero, troppo ottimisticamente, pubblicizzati come "indistruttibili". Non lo erano, ma erano molto meno fragili di quelli in gommalacca. Essendo il vinile incolore (trasparente), venne deciso di inserire nella composizione una pigmentazione nera, per rendere ben visibili le tracce incise; alcuni vennero anche realizzati in colori diversi come rosso, traslucido, etc.
 
== Storia ==
21 929

contributi