Differenze tra le versioni di "Intonazione naturale"

|}
 
Zarlino fissò l'altezza dei suoni della scala diatonica proseguendo la teoria fisico-numerica della [[temperamento pitagorico|scuola pitagorica]], la quale, com'è noto, aveva posto un limite di quattro secondo in base alla [[esoterismo|teoria esoterica]] della [[tetraktys]], quindi non considerava rapporti tra i suoni con valore superiore al numero 4.
Tale teoria era allineata, in maniera del tutto inconsapevole, con quella fisica degli [[armonici naturali]], ossia i possibili modi naturali di vibrazione sonora di un corpo (scoperta solo nel 1701 da [[Sauveur]]).
 
Utente anonimo