Differenze tra le versioni di "Massimiliano I di Baviera (elettore)"

Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0
(template cita "xxxx"; rinomina/fix nomi parametri; converto template cite xxx -> cita xxx)
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0)
Massimiliano fu in grado abilmente di risollevare le finanze bavaresi, riorganizzando l'amministrazione dello stato e l'esercito locale, introducendo misure [[mercantilismo|mercantilistiche]] ed un nuovo ''corpus'' di leggi noto col nome di ''Codex Maximilianeus''.
 
Nel [[1610]] fece ampliare la [[Residenza di Monaco di Baviera|residenza di Monaco]] come pure l' ''[[Hofgarten (Monaco)|Hofgarten]]''. La struttura originale del [[palazzo Schleissheim]] venne estesa tra il 1617 ed il 1623 ad opera degli architetti [[Heinrich Schön]] ed [[Hans Krumpper]]. Massimiliano fu inoltre un grande amante dell'arte ed acquisì molti dipinti di [[Albrecht Dürer]], [[Peter Paul Rubens]] e molti altri artisti, andando a radunare il nucleo principale di quella che è oggi la [[Alte Pinakothek]]. Nel 1616, ad esempio, Massimiliano commissionò quattro dipinti con soggetti di caccia proprio a Rubens.<ref>{{Cita web|titolo=Natural History and History Painting in Rubens’ Animals|url=http://www.mpiwg-berlin.mpg.de/de/node/9529|sito=Max Planck Institute|accesso=27 dicembre 2019|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20161119183711/http://www.mpiwg-berlin.mpg.de/de/node/9529|dataarchivio=19 novembre 2016|urlmorto=sì}}</ref> Nel 1627 ottenne il dipinto di Dürer ''[[Quattro Apostoli]]'' facendo pressione sulla città di [[Norimberga]] presso la cui amministrazione cittadina era conservato in precedenza. Tra i suoi artisti di corte vi furono [[Peter Candid]], [[Friedrich Sustris]], [[Hubert Gerhard]], [[Hans Krumpper]], [[Adrian de Vries]] e [[Georg Petel]].
 
Nel [[1839]] una statua fu eretta alla sua memoria a Monaco dal re di Baviera [[Ludovico I di Baviera (re)|Luigi I]].
1 038 482

contributi