Differenze tra le versioni di "Molly Malone Cook"

template cita "xxxx"; rinomina/fix nomi parametri; converto template cite xxx -> cita xxx; fix formato data; fix parametro lingua
(template cita "xxxx"; rinomina/fix nomi parametri; converto template cite xxx -> cita xxx; fix formato data; fix parametro lingua)
|Nazionalità = statunitense
}}
Nonostante sia stata fotografa professionista solo per un breve periodo<ref name=":1">{{CiteCita journalpubblicazione|lastcognome=Roush|firstnome=Jason|datedata=2008|titletitolo=Epitaph to a Photographer|url=http://go.galegroup.com/ps/i.do?p=AONE&u=queensulaw&id=GALE%7CA181820788&v=2.1&it=r&sid=summon|journalrivista=Gay & Lesbian Review Worldwide|volume=15.4|pagespp=50|via=Gale Database|languagelingua=en}}</ref> Cook ha lasciato una vasta collezione di fotografie stampate e negativi, scattate durante la sua vita<ref>{{CiteCita news|url=http://articles.latimes.com/2008/jan/06/books/bk-reynolds6|titletitolo=A time for us|lastcognome=Reynolds|firstnome=Susan Salter|datedata=6 gennaio 2008-01-06|workopera=Los Angeles Times|access-dateaccesso=20 novembre 2018-11-20|languagelingua=en|issn=0458-3035}}</ref>. La Cook ha lavorato e fotografato dozzine di artisti iconici e volti famosi come [[Lorraine Hansberry]], [[Norman Mailer]], [[Eleanor Roosevelt]] e [[John Waters (regista 1946)|John Waters]].
 
 
==Biografia==
L'interesse della Cook per la fotografia è iniziato mentre lavorava per il [[Governo federale degli Stati Uniti d'America|governo degli Stati Uniti]] in [[Europa]]. Al suo ritorno negli Stati Uniti divenne una delle prime fotografe per [[The Village Voice]]<ref name=":3">{{CiteCita journalpubblicazione|lastcognome=Stone|firstnome=Martha E.|datedata=January–February 2008|titletitolo=Passages 2007|url=http://go.galegroup.com/ps/i.do?p=AONE&u=queensulaw&id=GALE%7CA173190066&v=2.1&it=r&sid=summon|journalrivista=Gay & Lesbian Review Worldwide|volume=15.1|pagespp=8|via=Gale Database|languagelingua=en}}</ref>. The Village Voice era una pubblicazione settimanale alternativa, nata nel 1955 e durata fino al 2018<ref name=":2">{{CitationCita pubblicazione|titletitolo=The Village Voice|datedata=2018-10-27 ottobre 2018|url=https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=The_Village_Voice&oldid=866053139|workopera=Wikipedia|languagelingua=en|access-dateaccesso=2018-11-20 novembre 2018}}</ref>, che fungeva da piattaforma per i creativi di [[New York]]. Durante la creazione di contenuti per la pubblicazione, Cook ha fotografato il poeta [[Jean Cocteau]], il drammaturgo Loraine Hansberry, Eleanor Roosevelt, [[Robert Motherwell]], lo scrittore [[Norman Mailer]] e molti altri artisti famosi, scrittori e icone del periodo.
 
Dopo esseri trasferita con la sua compagna a [[Provincetown]], nel [[Massachusetts]], negli [[Anni 1960|anni '60]] Cook aprì la prima galleria fotografica sulla costa orientale; lo studio ''VII Photographers''<ref name=":1" />. Lo studio rappresentava molti fotografi di successo come [[Berenice Abbott]], [[Eugène Atget]], [[Edward Steichen]], [[Harry Callahan]] e [[Minor White (fotografo)|Minor White]]<ref name=":5">{{CiteCita news|url=https://www.independent.co.uk/news/obituaries/molly-malone-cook-310749.html|titletitolo=Molly Malone Cook|workopera=The Independent|access-dateaccesso=20 novembre 2018-11-20|languagelingua=en-GB}}</ref> , e vendeva stampe di [[Ansel Adams]] per soli {{M|35||$|nl=X}}<ref name=":1" />. All'epoca, la fotografia era considerata una forma d'arte solo da una piccola comunità e, sebbene i patrocinatori fossero frequenti, lo studio non poteva essere sostenuto finanziariamente cosicché la Cook dovette chiudere i battenti solo pochi anni dopo l'apertura<ref name=":3" />.
 
Aprì in seguito l'''East End Bookshop''<ref name=":3" />, nel quale rifornì selettivamente gli scaffali in base al suo giudizio personale sulla qualità della letteratura. Nel 1966 Cook assunse il famoso regista americano John Waters, con il quale avrebbe mantenuto una relazione per oltre 40 anni<ref name=":2" />. Quando la sua salute iniziò a mostrare segni di declino nel 1969, Cook chiuse la libreria<ref name=":1" />.
 
Negli [[Anni 1970|anni '70]] divenne agente letterario della sua compagna [[Mary Oliver]], tra gli altri, nonché assistente di Norman Mailer<ref name=":3" />. Mentre era agente della compagna, ogni volta che riceveva una proposta, si comportava come se lei e molti altri editori si contendessero le sue opere<ref name=":4">{{CiteCita news|url=http://go.galegroup.com/ps/i.do?p=AONE&u=queensulaw&v=2.1&it=r&id=GALE%7CA172154577&inPS=true&linkSource=interlink&sid=AONE|titletitolo=Deck the shelves with books aplenty|lastcognome=Kossman|firstnome=Patricia A.|datedata=December 10, dicembre 2007|workopera=America Magazine|accesso=13 gennaio 2020|languagelingua=en}}</ref>.
 
===Vita privata===
528 226

contributi