Differenze tra le versioni di "Ban Ki-moon"

m
nessun oggetto della modifica
m (fixTmpl)
m
|predecessore = [[Kofi Annan]]
|successore = [[António Guterres]]
|carica2 = Ministro degli affariAffari esteri e del commercioCommercio della Corea del Sud
|presidente2 = [[Roh Moo-hyun]]
|primoministro2 = [[Goh Kun]]<br />[[Lee Hae-chan]]<br />[[Han Duk-Soo]]<br />[[Han Myeong-sook]]
 
== Biografia ==
Prima di divenire segretario generale, Ban Ki Moon-moon è stato diplomatico di carriera al Ministero degli Affari Esteriesteri e del Commercio della Corea del Sud, e alle [[Organizzazione delle Nazioni Unite|Nazioni Unite]]. Ban entrò nel [[diplomazia|servizio diplomatico]] l'anno della sua laurea, accettando una prima posizione a [[Nuova Delhi]]. Ban fu [[Ministro degli esteri|ministro degli Esteri]] della [[Corea del Sud]] dal gennaio 2004 al novembre 2006. Nel febbraio 2006 ha iniziato a fare campagna per la sua candidatura a Segretario Generalegenerale dell'ONU. Ban non era inizialmente considerato tra i favoriti; tuttavia, nella sua posizione di ministro degli esteriEsteri, fu in grado di compiere viaggi in tutti i paesiPaesi allora membri del [[Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite|Consiglio di sicurezza]], una mossa che lo portò ad essere il primo favorito. Nel 2006 ha dovuto sconfessare le voci sulla sua presunta presa di posizione a favore della pena di morte, dovute a un suo precedente discorso in cui sosteneva il diritto di competenza delle singole Nazioninazioni in tale materia{{citazione necessaria}}.
 
Fu candidato dal [[Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite]], dove ricevette 14 voti favorevoli, tra cui i cinque voti fondamentali di [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]], [[Regno Unito]], [[Francia]], [[Russia]] e [[Cina]]. Il 13 ottobre 2006, Ban venne eletto come 8º Segretario Generalegenerale dall'[[Assemblea generale delle Nazioni Unite]]. Il 1º gennaio [[2007]] succedette così a [[Kofi Annan]]. Durante il suo mandato, Ban ha attuato numerose riforme riguardo al [[peacekeeping]] e alle pratiche di impiego dell'ONU. In campo diplomatico Ban ha preso posizioni particolarmente forti riguardo al [[riscaldamento globale]], facendo ripetutamente pressione sulla questione con l'allora Presidente degli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]], [[George W. Bush]], e sul [[conflitto del Darfur]], dove ha aiutato a persuadere il presidente sudanese [[Omar Hasan Ahmad al-Bashir|Omar al-Bashir]] a permettere alle truppe di peacekeeping di fare ingresso in [[Sudan]].
 
Ban ha ricevuto l'Ordine del Servizioservizio di Meritomerito deldal Governogoverno della [[Corea del Sud]] in tre occasioni: nel [[1975]], [[1986]] e 2006.<ref name="Official Bio">{{Cita web | url = http://www.un.org/sg/biography.shtml | titolo = Official U.N. biography |sito= un.org | accesso=12 agosto 2007}}</ref> Per i suoi risultati come diplomatico, ha ricevuto la Gran Decorazionedecorazione d'Onore dallaonore dall'[[Austria|Repubblica Austriaca]] nel [[2001]]. Ha ricevuto riconoscimenti da molti dei paesiPaesi in cui ha lavorato come diplomatico: il governo del [[Brasile]] lo ha insignito della Grande Crocecroce del Rio Branco, il governo del [[Perù]] della Grande Crocecroce del Sole, e la [[Korea Society]] di [[New York]] con il [[James A. Van Fleet Award]] per il suo contributo all'amicizia tra gli Stati Uniti e la Repubblica di Corea<ref>{{Cita news|url=http://world.kbs.co.kr/english/news/news_detail.htm?No=39557|titolo=Samsung Chairman Lee Receives Van Fleet Award|data=[[2006]]-[[09-20]]|accesso=28 settembre 2006|editore=[http://world.kbs.co.kr/english/ KBS World]}}</ref>
 
Nel 2016 ha partecipato nel documentario di [[Leonardo DiCaprio]] sui cambiamenti climatici ''[[Punto di non ritorno - Before the Flood]]''.
 
== Campagna come Segretario Generalegenerale ==
[[File:Ban Ki-moon Bush.jpg|thumb|left|Incontro con [[George W. Bush]]]]
Nel febbraio 2006, Ban annunciò la sua candidatura a sostituire [[Kofi Annan]] come Segretario Generalegenerale dell'ONU alla fine del 2006, divenendo il primo sud-coreano in corsa per tale posto.<ref>{{Cita news|url=http://times.hankooki.com/lpage/nation/200602/kt2006021416334111990.htm|titolo=Minister Ban to Run for Top UN Job|autore=Song-wu, Park|editore=[[The Korea Times]]|accesso=28 settembre 2006|data=[[2006]]-[[02-14]]}}</ref> Nonostante Ban fosse stato il primo ad annunciare la propria candidatura, non venne inizialmente considerato un pretendente serio.<ref name=FT10-10>{{Cita news | titolo = Relentless pursuit brings a challenge close to home; Profile Ban Ki-moon | pubblicazione = [[Financial Times]] | autore = Anna Fifield | data = [[2006]]-[[10-10]]}}</ref>
 
Nei successivi otto mesi, Ban fece visite ministeriali in ciascuno del 15 paesi membri del [[Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite|Consiglio di sicurezza]]. Dei sette candidati, arrivò sempre primo nelle quattro votazioni consultive condotte dal [[Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite]]: il 24 luglio,<ref>{{Cita web|url=http://www.unsg.org/wordpress/archives/115|titolo=Ban takes 1st Straw Poll|editore=[http://www.unsg.org UNSG.org]|data=[[2006]]-[[07-24]]|accesso=28 settembre 2006|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20070808050637/http://unsg.org/wordpress/archives/115|dataarchivio=8 agosto 2007}}</ref> 14 settembre,<ref>{{Cita web|url=http://www.unsg.org/wordpress/archives/138|titolo=Ban firms up lead in second Straw Poll|editore=[http://www.unsg.org UNSG.org]|data=[[2006]]-[[09-14]]|accesso=28 settembre 2006|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20090612093608/http://www.unsg.org/wordpress/archives/138|dataarchivio=12 giugno 2009}}</ref> 28 settembre,<ref>{{Cita web|url=http://www.unsg.org/wordpress/archives/164|titolo=Ban slips but holds, Vīķe-Freiberga pushes into third|editore=[http://www.unsg.org UNSG.org]|data=[[2006]]-[[09-28]]|accesso=28 settembre 2006|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20090612093630/http://www.unsg.org/wordpress/archives/164|dataarchivio=12 giugno 2009}}</ref> e 2 ottobre.<ref>{{Cita web|url=http://www.unsg.org/wordpress/archives/170|titolo=Ban Ki-moon wins|editore=[http://www.unsg.org UNSG.org]|data=[[2006]]-[[10-02]]|accesso=2 ottobre 2006|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20061104211923/http://www.unsg.org/wordpress/archives/170|dataarchivio=4 novembre 2006}}</ref>
141

contributi