Differenze tra le versioni di "Stride piano"

m
Bot: correzione andate a capo e spazi
m (Bot: correzione andate a capo e spazi)
La mano destra invece è destinata di solito a [[melodia|fraseggi melodici]], ma potrebbe anche suonare parti armoniche (secondi accordi o ottave).<ref>Jazz di Arrigo Polillo :La vicenda e i protagonisti della musica afro-americana.</ref>
 
Lo stride piano è fortemente ritmico a causa dell'alternanza della nota di basso nota con l'accordo data dalla mano sinistra. Con questa mano il pianista di solito suona una singola nota di basso o l'ottava/decima nota della scala, seguita dall'accordo; mentre con la mano destra suona linee melodiche sincopate con abbellimenti armonici e [[riff]] e motivi di riempimento.
 
A differenza di pianisti [[ragtime]], i pianisti stride suonavano canzoni pop in stile stride. Mentre è stata composta musica ragtime originale, molti pianisti stride possedevano capacità di [[improvvisazione]] impressionanti e non si sono affidati alla carta stampata per tramandare la propria musica.
==Praticanti notevoli==
Tra gli altri importanti pianisti jazz del 20° secolo e ispirati al passo con gli altri, [[Clarence Profit]], [[Johnny Guarnieri]], [[Donald Lambert]], [[Cliff Jackson]], [[Hank Duncan]], [[Pat Flowers]], [[Duke Ellington]], [[Erroll Garner]], [[Count Basie]], [[Earl Hines]], [[Mary Lou Williams]], [[Don Ewell]], [[Joe Turner]], [[Claude Hopkins]], [[Ralph Sutton]], [[Dick Wellstood]], [[Dick Hyman]], [[Judy Carmichael]], [[Dave Brubeck]], [[Thelonious Monk]], [[Jaki Byard]] e [[George Winston]].
 
 
== Note ==
== Bibliografia ==
*[[Gildo De Stefano]], ''[[Ragtime]], [[Jazz]] & dintorni: la musica sincopata da [[Scott Joplin]] al Terzo Millennio'', prefazione di [[Amiri Baraka]], postfazione di [[Renzo Arbore]], Sugarco Edizioni, [[Milano]], 2007 ISBN 887198532X
*''Jazz'' di [[Arrigo Polillo]] :La vicenda e i protagonisti della musica afro-americana.
* ''The Jazz Piano Book'' di Mark Levine: un libro "come fare per" sull'argomento.
* ''Metaphors For The Musician'' di Randy Halberstadt: introspezioni su quasi ogni aspetto del ''jazz piano''.
* ''Stylistic II/V7/I Voicings For Keyboardists'' di Luke Gillespie: copre tutti gli stili di ''comping'', dagli approcci basilari e fondamentali a quelli moderni.
* ''Forward Motion'' di Hal Galper: un approccio al fraseggio jazz.
* ''Jazz Piano: The Left Hand'' di Riccardo Scivales (Bedford Hills, New York, Ekay Music, 2005): un metodo che copre tutte le tecniche usate nel ''jazz piano'' (e anche uno studio della storia della mano sinistra nel ''jazz piano''), con centinaia di esempi musicali.
3 038 981

contributi