Differenze tra le versioni di "Fred Uhlman"

improprietà lessicali
m (Annullate le modifiche di 89.186.74.255 (discussione), riportata alla versione precedente di Messbot)
Etichetta: Rollback
(improprietà lessicali)
Nato da una prospera famiglia ebrea della classe media; studiò nelle Università di [[Università di Friburgo in Brisgovia|Friburgo]], [[Università Ludwig Maximilian|Monaco]] e [[Università di Tubinga|Tubinga]] dove, nel [[1923]], si laureò in Legge. Esercitò la professione di avvocato, e fu oratore politico per il Partito Socialdemocratico di Kurt Schumacher.
 
Il 23 marzo del [[1933]], poco prima che Hitler prendesse il potere come Capo di Stato, Uhlman ricevette una telefonata dall'amico Pazaurek: questi gli riferì che il giudice Dill, membro del partito nazista, lo pregava di dire da parte sua al "piccolo Uhlman" (che conosceva da bambino) che ora Parigi è bellissima, sottolineando "ora". Compreso il messaggio, il 24 marzo Uhlman fuggì in Francia, e il 25 si stabilì a [[Parigi]] per iniziare una nuova vita. QuestoQui, tuttavia, incontrò molte difficoltà: agli stranieri non era permesso avere un lavoro retribuito, e venivano immediatamente espulsi dalla Francia se scoperti. Uhlman si sostennemantenne disegnando e dipingendo, e vendendo le sue opere privatamente quando poteva; per un certo tempo arrotondò le entrate con la vendita di pesci tropicali. L'attività di pittore riscuoteva un successo crescente, ma gli acquirenti rimanevano difficili da trovare.
 
Nell'aprile del 1936 si trasferì a [[Tossa de Mar]], un piccolo villaggio di pescatori sulla [[Costa Brava]] in [[Spagna]], ma di lì a poco scoppiò la [[guerra civile spagnola]] e quindi in agosto Uhlman decise di tornare a Parigi, passando per [[Marsiglia]]. Qui, mentre stava facendo una telefonata da un caffè a Diana Croft, un'amica londinese conosciuta a Tossa de Mar, gli venne rubato il portafogli, contenente la maggior parte dei suoi soldi e il suo passaporto. Uno straniero in Francia senza passaporto diventava di fatto un [[Apolidia|apolide]] soggetto ufficialmente a persecuzioni, all'arresto ed a una possibile espulsione. Demoralizzato e in preda alla disperazione, diede il suo numero di telefono di Parigi al titolare del bar, e continuò il suo viaggio verso la capitale. Il giorno dopo ricevette una telefonata dal suo albergo; il chiamante lo informò che aveva il portafogli e il passaporto e li avrebbe inviati a Uhlman il giorno seguente, perché era un correligionario di Uhlman, trattenendosi il dieci per cento del denaro " per coprire le spese". Il portafogli e il passaporto arrivarono l'indomani. Il 3 settembre 1936, Fred Uhlman sbarcò in Inghilterra senza soldi e senza conoscere una parola d'inglese. Due mesi dopo, il 4 novembre 1936, sposò Diana Croft.
Utente anonimo