Differenze tra le versioni di "Auguste e Louis Lumière"

m (fixTmpl)
(→‎Biografia: cazzo)
{{NN|professionisti cinematografici|febbraio 2015}}
[[File:Fratelli Lumiere.jpg|thumb|Auguste (a sinistra) e Louis Lumière]]
''{{Bio
|Titolo = I fratelli
|Nome = Auguste Marie Louis Nicolas
|Nazionalità = francese
|FineIncipit = sono stati due [[imprenditore|imprenditori]] [[francesi]], inventori del [[proiettore cinematografico]] e tra i primi [[cineasta|cineasti]] della storia
}}''
 
==''Biografia''==
''Auguste Marie Louis Nicholas e Louis Jean Lumière nacquero a [[Besançon]]. Figli dell'imprenditore e [[fotografo]] [[Antoine Lumière]] e Jeanne Joséphine Costille Lumière, sposatisi nel 1862, entrambi i fratelli lavorarono a lungo per lui, Louis come fisico e come direttore. Louis aveva sperimentato alcuni miglioramenti al processo fotografico, il più rilevante era il procedimento della lastra secca, un fondamentale punto di passaggio verso la pellicola fotografica.''
[[File:Lyon Auguste Lumière.jpg|thumb|Ritratto di Auguste Lumière presso [[Lione]]]]
''Quando il loro padre andò in pensione nel [[1892]] i fratelli iniziarono a lavorare duramente per creare la [[pellicola cinematografica]]. Brevettarono un numero significativo di procedimenti, tra le quali è da segnalare la creazione del "[[foro di trascinamento]]" nella pellicola, come mezzo per trascinarla attraverso la camera e il proiettore.''
 
''Produssero un singolo strumento che funzionava sia da camera che da proiettore, il ''[[cinématographe]]'' che brevettarono il 13 febbraio 1895<ref>{{cita web|lingua=fr|url=http://cinematographes.free.fr/lumiere-245032.html|titolo=Brevet FR 245.032|editore=cinematographes.free.fr|accesso=11 settembre 2014}}</ref>. La prima [[pellicola cinematografica|pellicola]] venne girata con questo strumento il 19 marzo [[1895]]; il [[film]] era ''[[L'uscita dalle officine Lumière]]'' (''La sortie de l'usine Lumière''), che viene spesso citato come il primo [[documentario]] (anche se questa definizione è sempre stata fonte di diversi dibattiti).''
 
''Il primo spettacolo a pagamento si tenne il 28 dicembre a [[Parigi]] al ''Grand Café'' sul ''[[Boulevard des Capucines]]''. Andarono in ''tour'' con il ''cinématographe'' nel [[1896]] visitando [[Londra]] e [[New York]]. Le immagini in movimento ebbero un'immediata e significativa influenza sulla cultura popolare con ''[[L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat]]'' (''L'arrivée d'un train en gare de la Ciotat'') e ''[[La colazione del bimbo]]'' (''Le Repas de bébé''), e il primo esempio di [[commedia]] con la farsa ''[[L'innaffiatore innaffiato]]'' (''L'arroseur arrosé).'').
 
''Dopo la presentazione del Cinematografo i Lumière vendettero numerosi apparecchi, che vennero portati in giro per il mondo creando la nuova professione dei "cinematografisti", eredi degli ambulanti che vendevano stampe nell'Europa del [[XVII secolo|XVII]] e [[XVIII secolo]].''
 
''Paradossalmente, i due fratelli ritenevano il [[cinema]] ''"un'invenzione senza futuro"'', poiché pensavano che presto il pubblico si sarebbe stufato dello spettacolo del movimento; per questo motivo decisero presto di occuparsi d'altro, rendendo la loro comparsa nella [[storia del cinema]] piuttosto breve.''
 
''Spostarono la loro attenzione sulla [[fotografia]] a [[colore|colori]] e, nel [[1903]], brevettarono il processo "[[autocromia|Autochrome Lumière]]", lanciato sul mercato nel [[1907]]. La società ''Lumière'' fu una delle maggiori produttrici in [[Europa]], finché il marchio ''Lumière'' non scomparve dal mercato a seguito della confluenza nel gruppo [[Ilford Photo|Ilford]].''
 
==''Il cinema dei Lumière''==
[[File:Cinematograph Lumiere advertisement 1895.jpg|thumb|Manifesto del cinema Lumière del [[1895]]]]
''[[CON|Con]] il [[cinema]]tografo dei Fratelli Lumière del [[1895]] si può iniziare a parlare di cinema vero e proprio, composto da uno spettacolo di proiezione di fotografie (il primo proiettato il 28 dicembre 1895 in un seminterrato di un locale parigino) scattate in rapida successione, in maniera da dare l'illusione di movimento, a un pubblico pagante radunato in una sala. Di pochi anni più antico era il [[kinetoscopio]] di [[Thomas Edison]], con lo stesso procedimento di animazione delle immagini che scorrevano in rapida sequenza, però il modo di fruizione monoculare (e quindi non proiettato) lo rendeva antenato del cinema vero e proprio, l'ultima fase del [[precinema]]. La proiezione permetteva dopotutto un maggiore guadagno economico per via della fruizione collettiva, per cui si impose presto.''
 
''In realtà le invenzioni legate alle fotografie in movimento furono innumerevoli in quegli anni (si contarono nella sola Inghilterra circa 350 brevetti e nomi). Tra tutte queste l'invenzione dei Lumière aveva l'innegabile vantaggio dell'efficiente [[cremagliera]], che trascinava la pellicola automaticamente a scatti ogni 1/25 di secondo, e una praticità mai vista, essendo la macchina da presa una piccola scatoletta di legno, facilmente trasportabile, che all'occorrenza, cambiando solo la lente, si trasformava anche in macchina da proiezione.''
 
==''Cinema come sguardo dominatore''==
In realtà le invenzioni legate alle fotografie in movimento furono innumerevoli in quegli anni (si contarono nella sola Inghilterra circa 350 brevetti e nomi). Tra tutte queste l'invenzione dei Lumière aveva l'innegabile vantaggio dell'efficiente [[cremagliera]], che trascinava la pellicola automaticamente a scatti ogni 1/25 di secondo, e una praticità mai vista, essendo la macchina da presa una piccola scatoletta di legno, facilmente trasportabile, che all'occorrenza, cambiando solo la lente, si trasformava anche in macchina da proiezione.
''Il nome proposto per il cinematografo da Lumière pare sarebbe stato ''Domitor'', contrazione del [[lingua latina|latino]] ''dominator'', che rispecchia i sogni e le suggestioni di onnipotenza del [[positivismo]]. Guardare la vita quotidiana degli altri (o di sé stessi, perché non erano infrequenti le auto-rappresentazioni) e salvarla nel tempo era una sorta di potere di registrazione delle cose, anche di vittoria sulla morte, che trova eco anche nella letteratura contemporanea: nel romanzo ''[[Il castello dei Carpazi]]'' del [[1892]] [[Jules Verne]] descriveva un inventore che riusciva a riprodurre le immagini e la voce di una cantante della quale era innamorato per averla con sé per sempre.''
 
''Inoltre assistere alle proiezioni cinematografiche gratificava lo spettatore nel vedere senza essere visto, come un "dominatore" del mondo, appunto: lo spettatore si sente (tutt'oggi) inconsciamente superiore ai personaggi ed è gratificato dall'assistere alle loro vicende. Non a caso la visione frontale del cinematografo era quella che nel [[teatro]] era riservata al principe ed alle personalità più importanti.''
==Cinema come sguardo dominatore==
Il nome proposto per il cinematografo da Lumière pare sarebbe stato ''Domitor'', contrazione del [[lingua latina|latino]] ''dominator'', che rispecchia i sogni e le suggestioni di onnipotenza del [[positivismo]]. Guardare la vita quotidiana degli altri (o di sé stessi, perché non erano infrequenti le auto-rappresentazioni) e salvarla nel tempo era una sorta di potere di registrazione delle cose, anche di vittoria sulla morte, che trova eco anche nella letteratura contemporanea: nel romanzo ''[[Il castello dei Carpazi]]'' del [[1892]] [[Jules Verne]] descriveva un inventore che riusciva a riprodurre le immagini e la voce di una cantante della quale era innamorato per averla con sé per sempre.
 
''Le vedute di "dominatori" sono particolarmente evidenti nei primi [[documentario|documentari]] girati con la cinepresa Lumière nei primi due decenni del [[XX secolo|Novecento]]: nei filmati di [[Albert Kahn (banchiere)|Albert Kahn]], [[Luca Comerio]], [[Roberto Omegna]] o [[Bolesław Matuszewski]] si nota lo sguardo di superiorità verso le culture diverse da quella occidentale, legato alle ideologie del [[colonialismo]] e della conquista spietata.''
Inoltre assistere alle proiezioni cinematografiche gratificava lo spettatore nel vedere senza essere visto, come un "dominatore" del mondo, appunto: lo spettatore si sente (tutt'oggi) inconsciamente superiore ai personaggi ed è gratificato dall'assistere alle loro vicende. Non a caso la visione frontale del cinematografo era quella che nel [[teatro]] era riservata al principe ed alle personalità più importanti.
 
==''Le "vedute animate"''==
Le vedute di "dominatori" sono particolarmente evidenti nei primi [[documentario|documentari]] girati con la cinepresa Lumière nei primi due decenni del [[XX secolo|Novecento]]: nei filmati di [[Albert Kahn (banchiere)|Albert Kahn]], [[Luca Comerio]], [[Roberto Omegna]] o [[Bolesław Matuszewski]] si nota lo sguardo di superiorità verso le culture diverse da quella occidentale, legato alle ideologie del [[colonialismo]] e della conquista spietata.
''Il prodotto caratteristico del cinematografo Lumière sono le cosiddette "vedute animate", ovvero scenette realistiche prese dal vero della durata di circa cinquanta secondi (la durata di un caricatore di pellicola). L'interesse dello spettatore era tutto nel guardare il movimento in sé e nello scoprire luoghi lontani, non tanto nel veder rappresentate vere e proprie vicende.''
 
''Le inquadrature sono fisse e non esiste, se non in casi eccezionali, il [[montaggio]]; sono caratterizzate da un'estrema profondità di campo (si pensi all<nowiki>'</nowiki>''[[L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat|Arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat]]'', dove il treno è a fuoco sia quando si trova lontano sullo sfondo sia quando arriva in primo piano) e da personaggi che entrano ed escono all'inquadratura, in una molteplicità di centri di attenzione (si pensi all'''[[L'uscita dalle officine Lumière|Uscita dalle officine Lumière]]''). La centratura dell'immagine era infatti valutata approssimativamente, perché la macchina da ripresa Lumière non era dotata di mirino.''
==Le "vedute animate"==
Il prodotto caratteristico del cinematografo Lumière sono le cosiddette "vedute animate", ovvero scenette realistiche prese dal vero della durata di circa cinquanta secondi (la durata di un caricatore di pellicola). L'interesse dello spettatore era tutto nel guardare il movimento in sé e nello scoprire luoghi lontani, non tanto nel veder rappresentate vere e proprie vicende.
 
''L'operatore non è invisibile, anzi spesso dialoga con i personaggi (''[[L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione]]''), e le persone ritratte erano invitate a riguardarsi alla proiezione pubblica ("auto-rappresentazione"). Questa caratteristica venne poi considerata come un difetto della registrazione nel cinema successivo, venendo poi rivalutata solo in epoca contemporanea.''
Le inquadrature sono fisse e non esiste, se non in casi eccezionali, il [[montaggio]]; sono caratterizzate da un'estrema profondità di campo (si pensi all<nowiki>'</nowiki>''[[L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat|Arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat]]'', dove il treno è a fuoco sia quando si trova lontano sullo sfondo sia quando arriva in primo piano) e da personaggi che entrano ed escono all'inquadratura, in una molteplicità di centri di attenzione (si pensi all'''[[L'uscita dalle officine Lumière|Uscita dalle officine Lumière]]''). La centratura dell'immagine era infatti valutata approssimativamente, perché la macchina da ripresa Lumière non era dotata di mirino.
 
''Solo in secondo momento nacquero le riprese in movimento (effettuate da treni in partenza o imbarcazioni) e, circa un decennio dopo i primi esperimenti, i Lumière iniziarono a produrre film veri e propri composti da più "quadri" messi in serie, però proiettati separatamente, come le ''Passioni di Cristo''. Figura fondamentale nelle rappresentazioni restava l'imbonitore che, come ai tempi della [[lanterna magica]], istruiva, spiegava e intratteneva il pubblico commentando le immagini, che ancora non erano intelligibili autonomamente.''
L'operatore non è invisibile, anzi spesso dialoga con i personaggi (''[[L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione]]''), e le persone ritratte erano invitate a riguardarsi alla proiezione pubblica ("auto-rappresentazione"). Questa caratteristica venne poi considerata come un difetto della registrazione nel cinema successivo, venendo poi rivalutata solo in epoca contemporanea.
 
''Riassumendo in breve, le caratteristiche delle vedute Lumière erano:''
Solo in secondo momento nacquero le riprese in movimento (effettuate da treni in partenza o imbarcazioni) e, circa un decennio dopo i primi esperimenti, i Lumière iniziarono a produrre film veri e propri composti da più "quadri" messi in serie, però proiettati separatamente, come le ''Passioni di Cristo''. Figura fondamentale nelle rappresentazioni restava l'imbonitore che, come ai tempi della [[lanterna magica]], istruiva, spiegava e intratteneva il pubblico commentando le immagini, che ancora non erano intelligibili autonomamente.
 
*''Inquadratura unica (assenza di montaggio; anche le storie più articolate, come le ''Passioni di Cristo'', erano proiettate in spezzoni separati)''
Riassumendo in breve, le caratteristiche delle vedute Lumière erano:
*''[[Profondità di campo]] (la messa a fuoco contemporanea di figure vicine e lontane)''
*Inquadratura unica (assenza di montaggio; anche le storie più articolate, come le ''Passioni di Cristo'', erano proiettate in spezzoni separati)
*''Molteplici centri di attenzione in ciascuna inquadratura e movimento "centrifugo" dei personaggi (che entrano ed escono dall'inquadratura)''
*[[Profondità di campo]] (la messa a fuoco contemporanea di figure vicine e lontane)
*''Tracce dell'operatore nei film (non si nasconde che si sta facendo una ripresa: le persone sono consapevoli di essere riprese, guardano in macchina, si mettono in posa, salutano)''
*Molteplici centri di attenzione in ciascuna inquadratura e movimento "centrifugo" dei personaggi (che entrano ed escono dall'inquadratura)
*''Presenza dell'imbonitore alle proiezioni che spiegava le scene e narrava la storia (spesso era lo stesso addetto alla proiezione), quindi spettacolo incomprensibile da solo.''
*Tracce dell'operatore nei film (non si nasconde che si sta facendo una ripresa: le persone sono consapevoli di essere riprese, guardano in macchina, si mettono in posa, salutano)
*Presenza dell'imbonitore alle proiezioni che spiegava le scene e narrava la storia (spesso era lo stesso addetto alla proiezione), quindi spettacolo incomprensibile da solo.
 
== ''Filmografia parziale ''==
*''28 dicembre [[1895]], prima proiezione cinematografica pubblica al Grand Café del Boulevard des Capucines di Parigi<ref>{{Cita pubblicazione|cognome=Siyanure|data=2006-12-22|titolo=The Lumiere Brothers' - First films (1895)|accesso=2016-10-06|url=https://www.youtube.com/watch?v=4nj0vEO4Q6s}}</ref>''
** ''[[L'uscita dalle officine Lumière]]'' (''La Sortie de l'usine Lumière à Lyon)'')
** ''[[Il volteggio]]'' (''La voltige)'')
** ''[[La pesca dei pesci rossi]]'' (''La Pêche aux poissons rouges)'')
** ''[[L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione]]'' (''L'arrivée des congressistes à Neville-sur-Saone)'')
** ''[[I maniscalchi]] '' (''Les Forgerons)'')
** ''[[L'innaffiatore innaffiato]]'' (''L'arroseur arrosè)'')
** ''[[La colazione del bimbo]]'' (''Le Repas de bèbè)'')
** ''[[Il salto alla coperta]]'' (''Le saut à la couverture)'')
** ''[[La Place des Cordeliers a Lione]]'' (''La Place des Cordeliers à Lyon)'')
** ''[[Il mare (Bagno in mare)]]'' (''La mer (Baignade en mer))''
* ''[[1895]] - ''[[La corsa nei sacchi]]'' (''Le cours en sacs'')<ref>{{Cita pubblicazione|nome=Louis|cognome=Lumière|data=1896-10-28|titolo=Course en sacs|accesso=2016-10-06|url=https://www.imdb.com/title/tt0221888/}}</ref>''
* ''[[1895]] - ''[[Chapeaux à transformations|Trasformazioni con cappelli]]'' (''Chapeaux à transformations)''
* ''[[1895]] - ''[[Una partita a carte]]'' (''La partie de cartes)'')
* ''[[1896]] - ''[[Néron essayant des poisons sur des esclaves]]'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1896]] - ''[[Demolizione di un muro]]'' (''Demolition d'un mur)'')
* ''[[1896]] - ''[[L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat]]'' (''L'Arrivée d'un train en gare de La Ciotat)'')
* ''[[1896]] - ''Passeggiata degli struzzi ai giardini botanici di Parigi'' (''Promenade des autruches aux jardins botanique de Paris)'')
* ''[[1896]] - ''[[Battaglia con le palle di neve]]'' (''Battaile aux boules de neige)'')
* ''[[1896]] - ''[[Schaffouse, Chûtes du Rhin vues de loin]]''
* ''[[1897]] - ''[[Débarquement d'une mouche]]'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] - ''Le ultime cartucce'' (''Les derniers cartuches)'')
* ''[[1897]] - ''Bambini'' (''Enfantes)'')
* ''[[1897]] - ''[[Mort de Marat]]''
* ''[[1897]] - ''[[Le rémouleur et l'assiette au noir]]'' co-regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] ''- [[Pierrot et le fantôme]]'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] - ''La nourrice et le soldat amoureux'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] - ''[[La mort de Robespierre]]'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] - ''[[L'Assassinat du duc de Guise (film 1897)|L'Assassinat du duc de Guise]]'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] - ''[[L'amoureux dans le sac]]'' ''(The Lover in the Bag)'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] - ''[[Jean qui pleure et Jean qui rit]]'' co-regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1897]] - ''[[Assassinat de Kleber]]'' regia di [[Georges Hatot]]''
*''[[1897]] - ''[[Repas en famille]]''
* ''[[1898]] - ''[[Napoli (film Lumière)|Napoli]]'' (''Naples)'')
* ''[[1898]] - ''[[La Vie et la Passion de Jésus-Christ (film 1898)|La Vie et la Passion de Jésus-Christ]]'' conosciuto anche come ''(La passion),'' co-regia di [[Georges Hatot]]<ref>{{Cita news|cognome=bretteau|nome2=cinémathèque française collection (library of|cognome2=congress)|nome3=hatot,|cognome3=georges|url=https://www.loc.gov/item/78710669/|titolo=La vie et la passion de Jésus-Christ /|pubblicazione=The Library of Congress|accesso=2016-10-06}}</ref>''
* ''[[1898]] - ''[[Exécution de Jeanne d'Arc]]'' regia di [[Georges Hatot]]''
* ''[[1900]] - ''[[Spanish Bullfight|Corrida Spagnola]] (Spanish Bullfight)''
* ''[[1900]] - ''La Tour Eiffel'' (''Le Tour Eiffel)'')
* ''[[1900]] - ''Danza spagnola'' (''Danses espagnoles)'')
* ''[[1902]] - ''La famiglia Dam e il loro cane'' (''Famille Dam et leur chien)'')
* ''[[1902]] - ''[[Le prince de Galles]]''
* ''[[1905]] - ''La breve corsa del poliziotto'' (''La petit course du policier)'')
 
''Di numerosi cortometraggi esistono più versioni.''
 
== ''Note ''==
<references/>
 
==''Bibliografia''==
*''Sandro Bernardi, ''L'avventura del cinematografo'', Marsilio Editori, Venezia 2007. ISBN 978-88-317-9297-4''
*''Louis e August Lumière, ''La fotografia'', in ''Noi, inventori del cinema. Interviste e scritti scelti 1894-1954'', a cura di Renata Gorgani, Il Castoro, Milano 1995.''
*''André Gaudreault, ''Cinema delle origini o della cinematografia-attrazione'', Il Castoro, Milano 2004.''
 
==''Voci correlate''==
*[[Cinema delle attrazioni|''Cinema delle attrazioni'']]
*''[[Precinema]]''
*[[William Fox Talbot|''William Fox Talbot'']]
 
==''Altri progetti''==
{{interprogetto|q=Louis Jean Lumière|q_etichetta=Louis Lumière}}
 
== ''Collegamenti esterni ''==
* {{Collegamenti esterni}}
* ''{{cita web|http://www.institut-lumiere.org/|Sito ufficiale dell'Institut Lumière|lingua=fr, en}}''
* ''{{cita web|http://www.videoartworld.com/beta/artist_840.html|Videoartworld: The Masters Series: The Lumiere Brothers. Selected films and medias. Public Domain Movies Online.)}}''
* ''{{Imdb|nm0525910|Louis Lumière}}''
* ''{{Imdb|nm0525908|Auguste Lumière}}''
 
{{Auguste e Louis Lumière}}
Utente anonimo