Differenze tra le versioni di "The Welcome Burglar"

incipit, riaggiornata nota afi
(incipit, acronimo, categoria)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
(incipit, riaggiornata nota afi)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
 
|regista = [[David W. Griffith]]
|soggetto =
|sceneggiatore = [[David W. Griffith]]
|produttore =
|produttore esecutivo =
}}
 
'''''The Welcome Burglar''''' è un [[cortometraggio|cortometraggio muto]] del [[1909]] scritto e diretto da [[David W. Griffith]]. Prodotto e distribuito dalla Biograph Company, aveva come interpreti [[Marion Leonard]], [[Harry Solter]], [[Charles Inslee]].
 
== Trama ==
Alice, un'ingenua ragazza di campagna, si lascia irretire dal fidanzato, Ben Harris, un farabutto che la convince a fuggire con lui. Presto l'uomo si stanca di lei e l'abbandona. Vergognandosi di tornare a casa, Alice si cerca un lavoro come dattilografa. Il suo contegno modesto conquista il suo datore di lavoro che s'innamora e le chiede di sposarlo. Il matrimonio è felice ma, un giorno, Alice scopre che Ben, il suo primo marito che lei credeva morto, è invece ancora vivo. Con uno stratagemma, il redivivo - che ormai vive nella più completa dissolutezza - trova una scusa per fare in modo che il marito lasci sola in casa Alice che lui vuole rivedere. Quella stessa sera, però, la casa è oggetto anche della visita di un ladro che, per non farsi scoprire, si nasconde dietro una porta. Alice, a sentire quei rumori, scende al pianoterra: vedendo Harris, resta interdetta. Lui, allora, l'aggredisce per poi trovarsi davanti al ladro con il quale ingaggia una lotta. Va a finire che il ladro uccide Harris. Il marito, ritornato a casa, trova il portone chiuso, cosa che suscita i suoi sospetti. Alice, cercando una soluzione, chiede al ladro di andarsene lasciando i suoi strumenti da scasso lì. L'uomo, ben contento, fugge via. Quando il marito entra, trova la moglie con la pistola in mano: apparentemente, Alice ha sparato a un ladro che ha sorpreso a rubare in casa.
 
== Produzione ==
Il film fu prodotto dall'[[Biograph Company|American Mutoscope & Biograph]].
 
== Distribuzione ==
Il [[copyright]] del film, richiesto dall'American Mutoscope and Biograph Co., fu registrato il 19 gennaio 1909 con il numero H121797<ref name=AFI />.
 
Distribuito dall'[[American Mutoscope & Biograph]], il film - un cortometraggio di 241 metri - uscì nelle sale statunitensi il 25 gennaio 1909. Nelle proiezioni, veniva programmato con il sistema dello split reel, accorpato in un'unica bobina con un altro cortometraggio prodotto dalla Biograph, ''[[Those Awful Hats]]''<ref name=AFI>[http://wwwcatalog.afi.com/membersCatalog/catalogMovieDetails/DetailView.aspx?s=&Movie=37894 AFI]</ref><ref name=SE>[http://www.silentera.com/PSFL/data/W/WelcomeBurglar1909.html Silent Era]</ref>.
 
Non si conoscono copie ancora esistenti della pellicola che viene considerata presumibilmente perduta<ref name=SE />.
 
== Note ==
<references/>
 
== Bibliografia ==
*Jean-Loup Passek e Patrick Brion, ''D.W. Griffith - Le Cinéma'', Cinéma/Pluriel - Centre Georges Pompidou, 1982 - ISBN 2864250357 Pag. 100
 
== Voci correlate ==
*[[Filmografia di David Wark Griffith]]
 
== Collegamenti esterni ==
* {{Collegamenti esterni}}