Differenze tra le versioni di "Geoffrey Chaucer"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  4 mesi fa
m
Intorno al [[1366]], Chaucer sposò [[Philippa Roet]], damigella della regina di Edoardo III, [[Filippa di Hainault]], e sorella di [[Katherine Swynford]], futura moglie di [[Giovanni di Gand]], [[Duca di Lancaster]]. Non è ancora stato stabilito con precisione il numero dei figli avuti da Chaucer e Philippa Roet, ma le opinioni più diffuse e accreditate sostengono la nascita di tre o quattro figli. Uno di essi, Thomas Chaucer, avrebbe avuto un'illustre carriera: ufficiale di quattro re, inviato in Francia e infine Oratore della [[Camera dei Comuni]]. Altri figli furono probabilmente Elisabetta Chaucy (che prese poi i voti), Agnes Chaucer (addetta all'incoronazione di [[Enrico IV d'Inghilterra|Enrico IV]]) e Lewis Chaucer.
[[File:Geoffrey Chaucer.jpeg|miniatura|upright=0.7|Possibile ritratto di Chaucer, creazione del [[XIX secolo]]]]
Vi sono poi documenti che attestano la sua presenza nella corte realireale di Edoardo III come valletto, [[yeoman]] o [[Esquire (titolo nobiliare)|Esquire]] il 20 giugno [[1367]]<ref name="off" />. Viaggiò all'estero diverse volte, almeno come valletto, e prese parte, a [[Ducato di Milano|Milano]], presso la [[Visconti|corte viscontea]], al matrimonio tra [[Lionello di Anversa]] e [[Violante Visconti]], figlia di [[Galeazzo II Visconti|Galeazzo II]]. Alla cerimonia erano presenti due altri grandi letterari dell'epoca, [[Jean Froissart]] e l'italiano [[Francesco Petrarca]]. Si ritiene inoltre che intorno a questo periodo Chaucer abbia scritto ''[[Il libro della duchessa]]'', in onore di [[Bianca di Lancaster]], l'ultima moglie di [[Giovanni di Gand]] morta nel [[1369]].<ref>{{cita libro|lingua=en|titolo=Chaucer's Queer Poetics: Rereading the Dream Trio|anno=2006|autore=Susan Schibanoff|ISBN=0802090354|editore=University of Toronto Press|p=65}}</ref>
 
Chaucer intraprese altri numerosi viaggi, tra cui una spedizione militare in [[Piccardia]], una visita a [[Repubblica di Genova|Genova]] per questioni commerciali, a [[Repubblica di Firenze|Firenze]] per chiedere un prestito alla banca dei [[Bardi (famiglia)|Bardi]] (di cui erano soci Boccaccio e suo padre, [[Boccaccio di Chellino|Boccaccino di Chellino]]) in favore del re, e probabilmente a [[Padova]] nel [[1373]]<ref name="rac" />. Fu proprio in questo viaggio italiano che Chaucer entrò in contatto con la [[cultura italiana]] [[Italia medievale|medioevale]], le sue strutture e le sue tematiche, che si ritrovano facilmente nelle sue opere. Nel periodo compreso tra il [[1372]] e il [[1376]] inoltre è databile la traduzione parziale in ''[[Middle English]]'' del ''[[Roman de la Rose]]''<ref name="rac" />.
Utente anonimo