Nuda Veritas: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
}}
 
La '''Nuda Veritas''' è un'opera di [[Gustav Klimt]] realizzata nel [[1899]] con la tecnica dell'[[Pittura a olio|olio]] su [[Pittura su tela|tela]] (252x56,2 cm). Il dipinto attualmente è conservato presso l'''Österreichisches Theatermuseum'' di [[Vienna]]. Dell'opera, Klimt realizzò anche una versione precedente, datata 1898, realizzata con la tecnica della [[litografia]] e pubblicata su ''[[Ver Sacrum'' (Primavera Sacraperiodico)|Ver Sacrum]]'', rivista della [[Secessione viennese]] (1898-1903).
==Il contesto storico dell'opera==
La Vienna degli ultimi anni dell'[[XIX secolo|Ottocento]] era una Vienna decadente che risentiva dell'ipocrita repressione [[Età vittoriana|vittoriana]]. Durante questo periodo l'arte di Klimt per il suo [[erotismo]] e i suoi temi spesso troppo espliciti, si scontrò spesso con molti rifiuti. A causa di queste restrizioni molti artisti sentirono il bisogno di un cambiamento radicale che portò alla cosiddetta Secessione viennese: un'associazione di 19 artisti, tra cui pittori e architetti, che si staccano dall'[[Accademia di belle arti di Vienna|Accademia di Belle Arti]] andando contro al tradizionalismo al conservatorismo e all'accademismo per formare un gruppo autonomo dotato di una propria indipendenza e anche di una propria sede, il ''[[Palazzo della Secessione]]''.
 
La Secessione Viennese, soprattutto in [[pittura]], non cercava la rottura con l'arte del passato, ma piuttosto cercava di creare una nuova arte austriaca che rispondesse alla esigenze culturali, politiche e sociali del tempo. In particolare fu dal 1907 che tra i pittori si palesò una nuova concezione di arte figurativa che partiva dalla ricerca del maestro Gustav Klimt per poi seguire con i suoi seguaci quali [[Egon Schiele]] e [[Oskar Kokoschka]].
 
==Le due versioni==
[[File:Klimt - Nuda veritas.jpeg|90px|thumb|left|La prima versione dell'opera apparsa su ''Ver Sacrum'']]
Come accennato, dellDell'opera in questione esiste un'altra versione, una litografia apparsa l'anno precedente sulla rivista della ''Secessione Viennese''. Ci sono due importanti differenze tra le due versioni che bisogna prendere in considerazione.
 
 
 
La prima riguarda la scritta collocata nella parte alta del quadro, sopra la testa della donna. Nella prima versione il pittore decise di riportare una citazione dallo scrittore tedesco ''L. Schefer'': {{quote| La verità è fuoco e parlare di verità significa illuminare e bruciare |Leopold Schefer }} Nella seconda elaborazione Klimt aveva accentuato la carica sensuale e aveva sostituito la citazione di Schefer con una citazione, incisa su oro, del filosofo ''Friederick Canning Scott Schiller'': {{quote| Non puoi piacere a tutti con la tua azione e la tua arte. Rendi giustizia a pochi. Piacere a molti è male |[[Ferdinand Canning Scott Schiller]] }}
 
La seconda differenza riguarda il [[serpente]] che nella seconda versione troviamo ai piedi della donna, mentre nella prima è assente. La mancanza del serpente nella prima versione dimostra che il pittore, all'inizio della lavorazione di questo tema, non aveva ancora guardato al fine provocatorio che invece ritroveremo nella seconda versione.
 
==Descrizione e stile==
169 875

contributi