Differenze tra le versioni di "Condizione della donna in Svezia"

m
ortografia
m (ortografia)
m (ortografia)
Nel 1862 le donne maggiorenni furono nuovamente autorizzate a votare nelle elezioni comunali, rendendo in tal modo il [[regno di Svezia]] il primo paese al mondo ad aver concesso alle donne il diitto di voto. L'introduzione di un nuovo sistema politico fece introdurre nuove autorità locali, nella fattispecie il consiglio comunale; il diritto di voto nelle elezioni comunali si applicò solo alle persone giuridicamente maggiorenni, il che escludeva le donne sposate in quanto rimanevano giuridicamente sotto la tutela dei loro mariti. Nel 1884 il suggerimento di concedere alle donne il suffragio alle elezioni nazionali venne inizialmente respinto da un voto parlamentare<ref>{{Cita libro|autore= Christer Palmquist & Hans Kristian Widberg|titolo= Millenium. Samhällskunska|editore= Bonniers| isbn = 91-622-5995-4|anno= 2004|p= 317|lingua= sv}}</ref>.
[[File:Emilie Rathou.jpg|thumb|[[Emilie Rathou]] all'inizio del 1900.]]
Nel corso degli anni 1880 l'"Associazione per i diritti di proprietà delle donne sposate" avviò una campagna per incoraggiare l'elezione femminile, ovvero per tutte quelle donne qualificate a votare conformemente alla legislazione del 1862, ad utilizzare il loro voto e ad auentareaumentare la partecipazione femminile alle elezioni, ma non vi fu ancora un richiesta esplicita per il [[suffragio universale]]. Nel 1888 l'attivista del "Movimento per la temperanza" [[Emilie Rathou]] divenne la prima donna svedese a richiedere formalmente in un discorso pubblico il dritto al [[suffragio femminile]]<ref>Emilie Rathou, urn:sbl:7563, Svenskt biografiskt lexikon (art av Hjördis Levin), hämtad 2015-05-30.</ref>.
[[File:Rösträttspetitionen.jpg|thumb|left|Illustrazione che mostra [[Agda Montelius]] e [[Gertrud Adelborg]] mentre presentano ufficialmente una [[petizione]] a favore del suffragio femminile a nome della "Fredrika Bremer Association" al primo ministro [[Erik Gustaf Boström]] nel dicembre 1899 o gennaio 1900.]]
Nel 1899 una delegazione della "Fredrika Bremer Association" presentò una richiesta di suffragio per le donne al primo ministro [[Erik Gustaf Boström]]; la delegazione venne guidata da [[Agda Montelius]], accompagnata da [[Gertrud Adelborg]], che aveva scritto la richiesta. Questa fu la prima volta che il movimento delle donne svedesi presentarono ufficialmente una richiesta di suffragio.
12 172

contributi