Poesie (Aristotele): differenze tra le versioni

→‎Carmi: risolta disambigua a Olimpiodoro
(→‎Carmi: risolta disambigua a Olimpiodoro)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
in sanguinose lotte, ma fu complice</br>
un uomo ingannatore. <ref>Diogene Laerzio, V 6 - trad. A. D'Andria. </ref></blockquote>
Una elegia rivolta all'amico [[Eudemo di Cipro]], filosofo platonico e suo amico <ref>Cicerone, ''De divinatione'', I 25. </ref>, la cosiddetta "elegia dell'altare", con un elogio del maestro [[Platone]], viene parzialmente citata da [[Olimpiodoro il Giovane|Olimpiodoro]]<ref>''In Platonis Gorgiam'', p. 41.</ref>ː
<blockquote>E, giunto di Cecropia al nobil suolo,</br>
piamente eresse un'ara all'amicizia</br>