Novazione: differenze tra le versioni

m
Bot: rimuovo template {{Collegamenti esterni}} rimasto vuoto dopo la rimozione della property P508
m (Bot: rimuovo template {{Collegamenti esterni}} rimasto vuoto dopo la rimozione della property P508)
== Nel mondo ==
=== Italia ===
La novazione è disciplinata dall'articolo [[s:Codice_Civile_Codice Civile -_Libro_Quarto Libro Quarto/Titolo_ITitolo I#Art._1230_Novazione_oggettiva 1230 Novazione oggettiva|1230]] del [[codice civile italiano]].
 
Per parlare di novazione è necessario che da ambo le parti vi sia volontà esplicita di mutare l'obbligazione in essere; pertanto perché essa possa validamente configurarsi devono risultare espressamente alcuni elementi essenziali:
* l'indicazione dell'obbligazione originale che si vuole mutare in quella nuova (tecnicamente ''obligatio novanda'')
 
Per quanto riguarda invece gli effetti verso terzi, l'[[s:Codice_Civile_Codice Civile -_Libro_Quarto Libro Quarto/Titolo_ITitolo I#Art._1300_Novazione 1300 Novazione|articolo 1300]] recita:
 
{{Citazione|La novazione tra il creditore e uno dei debitori in solido libera gli altri debitori. Qualoraperò si sia voluto limitare la novazione a uno solo dei debitori, gli altri non sono liberati che per la parte di quest'ultimo. Se convenuta tra uno dei creditori in solido e il debitore, la novazione ha effetto verso gli altri creditori solo per la parte del primo (1230 e seguenti, 1268 e seguenti).|Codice civile, articolo 1300}}
La ''novazione soggettiva'' è il negozio che estingue l'obbligazione d'origine e ne crea al contempo una nuova avente per soggetto passivo un nuovo obbligato (tecnicamente, l'''aliquid novi'' riguarda un nuovo soggetto).
 
Tale fattispecie - se non nella forma - negli effetti ha un'efficacia pari a quello della successione liberatoria (subentro) nel debito, che si realizza mediante [[delegazione]] (assunzione di un terzo, cosiddetto ''delegante'', dell'impegno da parte del debitore di pagare un'obbligazione al creditore), dell'[[Accollo_Accollo (diritto)|accollo]] (impegno diretto di un terzo con il creditore per pagare l'obbligazione contratta dal debitore) e dell'[[espromissione]] (impegno di un terzo a pagare un'obbligazione al creditore senza richiesta né incarico da parte del debitore).
 
Al riguardo, l'articolo [[s:Codice_Civile_Codice Civile -_Libro_Quarto Libro Quarto/Titolo_ITitolo I#Art._1235_Novazione_soggettiva 1235 Novazione soggettiva|1235]] del codice civile prescrive che, in caso di sostituzione del debitore, si applicano le norme previste al [[s:Codice_Civile_Codice Civile -_Libro_Quarto Libro Quarto/Titolo_ITitolo I#Capo_VICapo VI:_Della_delegazione Della delegazione.2C_dell2C dell.27espromissione_e_dell27espromissione e dell.27accollo|Capo IV]], artt. 1268 e ss., a seconda che la sostituzione configuri, alternativamente, le dette forme di delegazione, accollo ed espromissione, anche se non viene specificato espressamente se tale modifica influisce anche sui termini di estinzione dell'obbligazione per prescrizione.
 
==Voci correlate==
* [[Accollo (diritto)]]
* [[Espromissione]]
 
== Collegamenti esterni ==
* {{Collegamenti esterni}}
 
{{Controllo di autorità}}
3 185 799

contributi