Differenze tra le versioni di "Editoriale Campi"

→‎Storia: aggiungo link al registro storico delle imprese italiane
(→‎La Fondazione Barbanera 1762: aggiungo riferimento a biblioteca digitale barbanera)
(→‎Storia: aggiungo link al registro storico delle imprese italiane)
==Storia==
La "Tipografia Giuseppe Campi", che diverrà poi "Campi Editore" e ancora dopo "Editoriale Campi", nasce a Foligno nel [[1892]].
Fin dai primi anni di attività, e grazie soprattutto alla iniziativa di [[Agostino Campi]] figlio del fondatore Giuseppe, si specializza nella produzione di pubblicazioni a diffusione popolare. Si inserisce con successo nel solco della tradizione tipografica folignate con la stampa del [[lunario]] di Barbanera e di altri prodotti editoriali come i "fattacci", i "miracoli", i "pianeti della fortuna" e i "fogli delle canzoni", tutti distribuiti in fiere e mercati da venditori ambulanti e [[cantastorie]]<ref>Linda Gobbi, Giovanni Lanzone, Francesco Morace (a cura di), ''L’impresa del talento: i territori creativi delle aziende italiane'', Milano, Nomos, 2012, pp. 57-64.</ref>..
Per molti anni editore ufficiale dei maggiori festival musicali italiani, da [[Festival di Sanremo|Sanremo]] a [[Festa di Piedigrotta|Piedigrotta]], e principale diffusore dei testi delle canzoni<ref>Massimo Emanuelli, ''’50 Anni di storia della televisione attraverso la stampa settimanale'', Milano, Greco&Greco, 2004, p. 24.</ref>, l'Editoriale Campi è oggi prevalentemente impegnata nelle attività editoriali legate al marchio Barbanera.
Vera e propria protagonista della storia dell'editoria popolare del Novecento, la Editoriale Campi è iscritta al Registro delle imprese storiche italiane di [[Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura | Unioncamere]]<ref>Il Registro è consultabile [qui| http://www.unioncamere.gov.it/P48A0C0S738/Le-radici-del-futuro.htm] (url consultato il 31/03/2020)</ref>.
 
==Il Barbanera==
1 060

contributi