Differenze tra le versioni di "Quilombo"

nessun oggetto della modifica
(Recupero di 2 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta15))
La maggior parte dei quilombo ebbe un'esistenza limitata nel tempo, in quanto, una volta scoperti, i quilobolas venivano repressi in modo estremamente violento al fine di impadronirsi dei beni di questi fuggitivi e dissuadere gli altri schiavi dal seguirne le gesta. Alcuni individui furono sottoposti a esecuzioni particolarmente cruente come [[Zumbi]] dos Palmares, il più famoso dei quilombolas, che fu decapitato ed evirato.
 
Oggi sopravvivono ancora numerosi insediamenti quilombos sparsi per tutto il Brasile e quasi mai collegati tra di loro. Si tratta spesso di piccoli villaggi fatti di capanne di fango e, qualche volta, di costruzioni in muratura (spesso la sala comunitaria o le case dei meno poveri). In questi piccoli villaggi è sempre presente una scuola in muratura che accoglie i bimbi di tutte le età con qualche insegnante del villaggio stesso. La mancanza di documenti formali che attestano òala proprietà delle terre ha provocato conflitti con i progetti industriali di sfruttamento delle foreste .
 
A distanza di secoli, i quilombolas sono ancora oggi (anni 2010) discriminati e sfruttati. Molti uomini lavorano ancora come 'schiavi moderni' nelle piantagioni di canna da zucchero, lavorando a braccia e senza l'ausilio di nessuna macchina. I compensi sono da fame, per il maggior profitto dei latifondisti, specialmente in Paraiba, nel [[Regione Nordest del Brasile|nord est del Brasile]]. A volte gli sfruttatori sono finanche persone insospettabili, come magistrati locali.
Utente anonimo