Differenze tra le versioni di "Aeroporto di Rimini"

nessun oggetto della modifica
}}
 
L<nowiki>'</nowiki>'''Aeroporto di Rimini-Miramare''' (dal 2018 '''Aeroporto internazionale di Rimini e San Marino'''), conosciuto con il nome commerciale di '''Aeroporto Internazionale "Federico Fellini"''', è un [[aeroporto]] italiano situato a 8&nbsp;km dal centro della città di [[Rimini]], più precisamente nella frazione [[Miramare (Rimini)|Miramare]]. La struttura è dotata di una pista lunga 3340&nbsp;m e larga 45, la più lunga in [[Emilia-Romagna]], e di una via di rullaggio parallela di 2440 x 22,50 m.
 
L'aeroporto era gestito da Aeradria (fallita nel 2013) alla quale è subentrata la società AiRiminum 2014.<ref>{{Cita news |titolo=L'aeroporto 'Fellini' ad AIRiminum: "Ora il rilancio" |url=http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/aeroporto-fellini-gestione-airiminum-rilancio-1.399785|titolo=L'aeroporto 'Fellini' ad AIRiminum: "Ora il rilancio"|editore=[[Il Resto del Carlino]] |data=13 novembre 2014 }}</ref> Offre collegamenti di linea sia annuali, che stagionali, oltre ad un notevole numero di voli [[volo charter|charter]].
La struttura è dotata di una pista lunga 3340&nbsp;m e larga 45, la più lunga in Emilia-Romagna, e di una via di rullaggio parallela di 2440 x 22,50 m.
 
L'aeroporto era gestito da Aeradria (fallita nel 2013) alla quale è subentrata la società AiRiminum 2014.<ref>{{Cita news |titolo=L'aeroporto 'Fellini' ad AIRiminum: "Ora il rilancio" |url=http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/aeroporto-fellini-gestione-airiminum-rilancio-1.399785|editore=[[Il Resto del Carlino]] |data=13 novembre 2014 }}</ref>
 
L'aeroporto offre collegamenti di linea sia annuali, che stagionali, oltre ad un notevole numero di voli [[volo charter|charter]].
 
== Storia ==
[[File:Aeroporto Rimini-Miramare.jpg|miniatura|destra|Il terminal con la vecchia insegna, sostituita nel marzo del 2018.]]
Dal 19 luglio 1916 era sede della [[Sezione Difesa Rimini-Riccione]] fino al 18 novembre 1918.
Inizia ad operare nel 1929 come impianto militare e aerostatico, intitolato al sergente [[Giannetto Vassura]], medaglia al valor militare, caduto in combattimento aereo nel 1918.<ref name="SEL">{{cita web|url=http://www.seidiriminise.it/scopri-rimini-romagna/storia-di-rimini/approfondimenti/aeronautica-militare-rimini.html|titolo=L'Aeronautica Militare a Rimini|editore=Sel di Rimini se|data=2015}}</ref> La parte di aeroporto aperta al traffico civile fu successivamente intitolata al regista riminese [[Federico Fellini]].
 
Nel 1956 l'aeroporto venne riaperto con l’insediamento della 5ª Aerobrigata militare (poi [[5º Stormo]] cacciabombardieri, intitolato a [[Giuseppe Cenni]]); base NATO ospitante la ''Allied Forces Italy'' statunitense, da fine anni cinquanta erano operativi circa duemila militari.<ref name="Carlino2010">{{Cita news|autore=Mari Gradara|url=http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/2010/09/08/381382-volano.shtml |autore=Mari Gradara |titolo=Volano via! L'Aeronautica militare lascia Rimini dopo 54 anni|data=8 settembre 2010|rivista=Il Resto del Carlino |data=8 settembre 2010 }}</ref>
 
Nel 1958 l'aeroporto venne riaperto anche al traffico civile con un volo Rimini–Londra a cadenza quindicinale.<ref name="Martinese">{{Cita news|autore=Guglielmo Walter Martinese|url=http://www2.filcams.cgil.it/Info.nsf/ac8d2db0d4389bca802567ed004c5cf4/E4CD12392BEA8AD5C1256D47004C2800/?OpenDocument |autore=Guglielmo Walter Martinese |titolo=Crisi del modello, sviluppo sostenibile
Convegno sul Turismo organizzato dalla CGIL di Rimini |editore=Ufficio Studi e Ricerche CGIL Rimini |data=6 giugno 2003 }}</ref>
 
Negli anni sessanta si assistette a un ragguardevole sviluppo del traffico passeggeri proveniente dal nord Europa, grazie al boom turistico della Riviera romagnola, nonché alla presenza delle infrastrutture dello scalo dovute al suo uso militare (soprattutto alla pista di 3.300 m per gli aerei cargo militari ad alta capienza), in un periodo in cui l'Italia era scarsa di infrastrutture (Rimini fu raggiunta dall'[[Autostrada A14 (Italia)|autostrada A14]] nel 1966).<ref>{{Cita news |url=http://www.corriereromagna.it/news/rimini/19513/a14-50-anni-fa-il-via-al-boom-turistico.html |titolo=A14, 50 anni fa il via al boom turistico |pubblicazione=|editore=Corriere della Romagna |data=28 agosto 2016 |pubblicazione= |accesso=2 aprile 2017 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20170403015449/http://www.corriereromagna.it/news/rimini/19513/a14-50-anni-fa-il-via-al-boom-turistico.html |dataarchivio=3 aprile 2017 |urlmorto=sì }}</ref>
 
Nel 1966 lo scalo di Rimini, con 392.594 passeggeri e 7.450 voli<ref>{{Cita news |url=http://www.riminiduepuntozero.it/wordpress/wp-content/uploads/2016/12/graduatoria-aeroporti-min-400x294.jpg/ |titolo=estratto |editore=La Stampa |data=5 settembre 1967 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20170428053758/http://www.riminiduepuntozero.it/wordpress/wp-content/uploads/2016/12/graduatoria-aeroporti-min-400x294.jpg |dataarchivio=28 aprile 2017 |urlmorto=sì}}</ref> raggiunse il quarto posto tra gli aeroporti di Italia in base al movimento passeggeri.<ref>{{Cita news |url=http://www.riminiduepuntozero.it/laeroporto-di-rimini-al-quarto-posto-in-italia/ |titolo=L’aeroporto di Rimini al quarto posto in Italia|editore=riminiduepuntozero|data=3 febbraio 2017|altri=estratto da La Stampa del 5 settembre 1967 |editore=riminiduepuntozero |data=3 febbraio 2017 }}</ref>
 
Nel 1977 si ebbe un notevole calo del traffico con solo 1.800 aerei durante l’anno. I tour operator stranieri scelgono altre mete: è la Spagna la maggior concorrente della riviera.<ref name="Martinese"/>
 
Nel 1993, due anni dopo l'ultima massiccia apparizione del fenomeno delle [[mucillagini]] sulla costa,<ref>{{Cita news|autore=Paolo Facciotto|url=http://www.romagnanoi.it/news/rimini/682287/Il-mistero-delle-mucillagini.html |autore=Paolo Facciotto |titolo=Il mistero delle mucillagini |rivista=Romagna Noi |data=14 luglio 2009|rivista=Romagna Noi}}</ref> sbarcano solo 42.311 passeggeri.<ref name="Martinese"/>
 
A partire dalla fine degli anni ottanta si ebbe un progressivo ridimensionamento dell’impegno militare sullo scalo di Rimini.<ref>{{cita news|autore=Tommaso Torri|url=http://www.romagnanoi.it/news/news/623496/Quel-che-resta-della-Guerra-Fredda.html |autore=Tommaso Torri |titolo=Quel che resta della Guerra Fredda |rivista=Romagna Noi |data=14 dicembre 2009|rivista=Romagna Noi}}</ref> Nel 1991 vengono smantellate le postazioni di lancio e i bunker che custodivano una trentina di bombe nucleari [[B61]]<ref name="Carlino2010"/>, nel 1995 la Allied Force statunitense abbandona lo scalo romagnolo che rimane solo dell’[[Aeronautica Militare Italiana]], la quale trasferisce il 5º Stormo cacciabombardieri all'[[aeroporto di Cervia-Pisignano]]<ref name="SEL">{{cita web |url=http://www.seidiriminise.it/scopri-rimini-romagna/storia-di-rimini/approfondimenti/aeronautica-militare-rimini.html |titolo=L'Aeronautica Militare a Rimini |editore=Sel di Rimini se |data=2015 }}</ref> per dislocare a Rimini l'83° [[Ricerca e soccorso|SAR]] - elicotteristi.
 
Negli anni novanta l'Aeradria strinse accordi con la vicina [[Repubblica di San Marino]] (situato a pochi chilometri dal confine sammarinese). La Repubblica di San Marino ne acquista il 3% della quota societaria e lo scalo romagnolo venne ridenominato "Aeroporto Internazionale di Rimini - San Marino". Nel 2014 era prevista la realizzazione di un'ala sammarinese che si doveva concentrare su aviazione privata e su business con voli charter.
 
Nell'anno 2000 il traffico si attestò a 251.139 passeggeri. Per tutti gli anni 2000, grazie al crescente traffico dall'Est europeo ed in seguito ad una politica commerciale molto aggressiva, si assistette ad una fase continuo incremento, conclusa nel 2011 con il raggiungimento del record assoluto dello scalo romagnolo: 11.856 voli per 920.641 passeggeri.<ref>{{Cita web |url=http://www.assaeroporti.com/statistiche_201112/ |titolo=STATISTICHE DICEMBRE 2011 |editore=ASSAEROPORTI }}</ref>
 
Nel 2010 fu trasferito alla base di Cervia anche l'83° SAR e allo scalo di Rimini rimangono gli elicotteristi del [[7º Reggimento AVES "Vega"|7º Reggimento Aviazione dell'Esercito "VEGA"]].<ref name="Carlino2010"/> L'Aeronautica Militare continua a gestire i servizi di [[controllo del traffico aereo]] nella [[torre di controllo del traffico aereo|torre di controllo]] e i servizi meteorologici, poi passati in consegna all'[[ENAV]] il 10 novembre 2016.<ref>{{Cita news|autore=Tommaso Torri|url=http://www.riminitoday.it/cronaca/rimini-aeronautica-militare-addio-si-spegne-il-radar-e-la-torre-di-controllo-passa-ai-civili.html |autore=Tommaso Torri |titolo=Aeronautica Militare addio, si spegne il radar e la torre di controllo passa ai civili |rivista=Rimini Today |data=9 novembre 2009|rivista=Rimini Today}}</ref>
 
Ad ottobre 2014, in seguito il fallimento dell'Aeradria avvenuto l'anno precedente, l'[[Ente nazionale per l'aviazione civile|Enac]] e il prefetto di Rimini comunicarono la chiusura ai voli commerciali dello scalo romagnolo. L'ultimo volo in partenza dallo scalo di Rimini fu il AH2721 della Air Algérie, partito con destinazione Algeri il 30 ottobre 2014. Successivamente, i voli furono spostati all'[[aeroporto di Ancona-Falconara]].
 
Negli ultimi giorni del 2014 subentra AIRiminum 2014 come nuovo gestore. I voli sono ripresi il 1º aprile 2015 con un volo charter [[Transaero Airlines]] proveniente da [[Mosca (Russia)|Mosca]].<ref>{{Cita news |autore = Lucia Renati |url=http://www.newsrimini.it/2015/04/nessuna-sorpresa-primo-atterraggio-al-fellini-dopo-il-lungo-stop/|titolo=primo atterraggio col battesimo dell'acqua all'aeroporto Fellini |editore=News Rimini |data=1º aprile 2015}}</ref>
[[File:FR6040 Rimini-Warsaw.JPG|miniatura|sinistra|Il volo FR6040 in partenza per Varsavia, che ha segnato il ritorno di Ryanair al Fellini.]]
Il 21 luglio 2017 [[Ryanair]], che aveva lasciato lo scalo romagnolo nel Settembre 2012 a seguito di mancati pagamenti sul marketing da parte di Aeradria, annuncia di aver siglato un nuovo piano di crescita pluriennale con AIRiminum 2014, la società di gestione dell’Aeroporto di Rimini, che offrirà nuovi collegamenti verso l’Europa a partire già dalla primavera 2018<ref>{{Cita news |url=http://bologna.repubblica.it/cronaca/2017/07/21/news/ryanair_torna_a_rimini_voli_per_tutta_l_europa_-171309133/ |titolo=Ryanair torna a Rimini: "Voli per tutta l'Europa" |rivista=La Repubblica |data=21 luglio 2017|rivista=La Repubblica}}</ref>
Il 21 novembre 2017 Ryanair annuncia le tre destinazioni che lancerà dal Fellini: [[Londra]] e [[Varsavia]] con una frequenza di due voli a settimana, e [[Kaunas]], con una frequenza di un volo a settimana.<ref>{{Cita news |url=http://www.chiamamicitta.it/rimini-aeroporto-marzo-kaunas-londra-varsavia-ryanair/ |titolo=Rimini, da marzo si vola con Ryanair a Londra Varsavia e Kaunas |rivista=Chiamami Città |data=21 novembre 2017|rivista=Chiamami Città}}</ref> Il 26 marzo 2018 atterra alle 8.55 il volo Ryanair FR6039 proveniente da [[Aeroporto della Masovia di Varsavia-Modlin|Varsavia Modlin]], che segna ufficialmente il ritorno della compagnia irlandese al Fellini.<ref>{{Cita news |url=https://www.newsrimini.it/2018/03/180-passeggeri-volo-londra-ryanair-obiettivo-40-000-passeggeri/ |titolo=Ryanair torna a Rimini: obiettivo 40 mila passeggeri per la prima stagione |rivista=Chiamami Città |data=27 marzo 2018|rivista=Chiamami Città}}</ref>
 
== Traffico ==
Si tratta del secondo aeroporto della regione, per numero annuo di passeggeri, dopo quello di [[Aeroporto di Bologna|Bologna]], tra i primi in Italia per il quasi totale traffico russo. Nei primi nove mesi del 2011 incrementò, rispetto allo stesso periodo del 2010, di oltre 60% il numero di passeggeri a causa dell'apertura di Rimini come base della compagnia siciliana [[Wind Jet]] (poi fallita) e a seguito della chiusura su Forlì. Successivamente la compagnia è stata sostituita dalla Livingston che operava voli su Mosca Domodedovo.
 
Nel [[2011]] vi transitarono 920.549 passeggeri, nel [[2012]] 795.872,<ref>{{Cita news |titolo=Aeroporto. Anche in luglio passeggeri in calo, -28,9% |url=http://www.newsrimini.it/news/2013/settembre/10/rimini/aeroporto._anche_in_luglio_passeggeri_in_calo__-28_9_.html|titolo=Aeroporto. Anche in luglio passeggeri in calo, -28,9%|editore=NewsRimini |data=10 settembre 2013 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20141101195243/http://www.newsrimini.it/news/2013/settembre/10/rimini/aeroporto._anche_in_luglio_passeggeri_in_calo__-28_9_.html |dataarchivio=1º novembre 2014 |urlmorto=sì}}</ref> nel [[2013]] 558.335,<ref>{{Cita web |autore=ENAC - Direzione Sviluppo Aeroporti |altri=a cura di Patrizia Sapia |titolo=Dati Traffico 2013 |url=http://www.enac.gov.it/repository/ContentManagement/information/N853051579/Dati_di_traffico_2013.pdf |editore=ENAC |data=10 settembre 2013 |formato=pdf}}</ref> e nel [[2014]] 473.103.
 
Dal 1º aprile 2015, i voli sono ripresi dopo 5 mesi di stop. Nel [[2015]] (primo anno della gestione AIRiminum) sono transitati 158.688 passeggeri, nel [[2016]] 239.709 con un aumento del 51,05% e nel [[2017]] 305.576 unità, con un aumento del 26.60% rispetto all’anno precedente.<ref name="assaeroporti.com">[http://www.assaeroporti.com/statistiche/ Statistiche | Assaeroporti]</ref>
2 156

contributi