Differenze tra le versioni di "Publio Sestio Capitone"

integro
m (Sostituzione template reference, replaced: {{references}} → <references/>)
(integro)
|Attività = politico
|Nazionalità = romano
|PostNazionalità = del [[V secolo a.C.]]
|Punto=no
}}
 
== Consolato ==
Publio Sestio Capitone, o Publio Sestio Capitolino secondo Livio<ref>Tito Livio, ''Ab Urbe Conditacondita Librilibri'', Libro III, 2, 32.</ref> secondo Livio, fu eletto console nel [[452 a.C.]] insieme al collega [[Tito Menenio Lanato]]<ref>[[Dionigi di Alicarnasso|Dionigi]], [[Antichità romane (Dionigi di Alicarnasso)|Antichità romane]], Libro X, 54.</ref>.
 
La commissione, formata da [[Spurio Postumio Albo Regillense|Spurio Postumio Albo]], [[Aulo Manlio Vulsone (decemviro 451 a.C.)|Aulo Manlio]] e [[Servio Sulpicio Camerino Cornuto (console 461 a.C.)|Sulpicio Camerino]], inviata ad [[Atene]], per trascrivere le [[Riforma di Solone|leggi]] di [[Solone]], e quindi poterlapoterle studiare e riformare le istituzioni romane, fafece ritorno in città.
 
Dopo molte insistenze da parte dei [[tribuni della plebe]], patrizi e plebei concordarono per la costituzione del primo [[Decemviri Legibus Scribundis Consulari Imperio (451 a.C.)|primo decemvirato]]:
{{q|Si decise di nominare dei decemviri non soggetti al diritto d'appello e di non avere quell'anno nessun altro magistrato al di fuori di loro. Se i plebei avessero dovuto o meno prendere parte alla cosa fu argomento a lungo dibattuto. Alla fine ebbero la meglio i patrizi, a patto però che non venissero abrogate la legge Icilia riguardante l'Aventino e le altre leggi sacrate.|Tito Livio, ''Ab Urbe Conditacondita Librilibri'', Libro III, 2, 32}}
 
== 451 a.C. ==
Nel [[451 a.C.]] fece parte del [[Decemviri Legibus Scribundis Consulari Imperio (451 a.C.)|primo decemvirato]], che elaborò le Leggi delle X tavole, completate dal successivo decemvirato, che emise le [[Leggi delle XII tavole]].
 
{{q|Sestio, uno dei consoli dell'anno precedente, ebbe invece la nomina per aver portato l'iniziativa di fronte al senato nonostante l'opposizione del collega|[[Tito Livio]], ''[[Ab urbeUrbe condita libri]]'', Libro III, 33.}}
 
== Note ==
<references/>
 
== Bibliografia ==
=== Fonti primarie ===
* [[Tito Livio]], ''[[Ab Urbe condita libri]]'', Libro III.
* [[Dionigi di Alicarnasso]], ''[[Antichità romane (Dionigi di Alicarnasso)|Antichità romane]]'', Libro X.
 
== Voci correlate ==
*[[Consoli repubblicani romani]]
 
{{Box successione
|carica = ''[[Consoli repubblicani romani|<span style="color:#FFA257;">Fasti consulares</span>]]''
|immagine = Consul et lictores.png
|periodo = ([[452 a.C.]])<br>con [[Tito Menenio Lanato]]
|precedente = [[Publio Curiazio Fisto Trigemino]] <br/> cone<br/> [[Sesto Quintilio Varo]] <br>ref <brgroup=> (''[[consul suffectus|suffectus]]'' [[Spurio Furio Medullino Fuso (console 464 a.C.)|Spurio Furio Medullino Fuso]]) II</ref>
|successivo = [[Appio Claudio Crasso Inregillense Sabino]]<br/> e<br/>[[Tito Genucio Augurino]]
|periodo2 = ([[451 a.C.]])<br>connel [[Decemviri Legibus Scribundis Consulari Imperio (451 a.C.)|Primo decemvirato]]
|precedente2 = [[Appio Claudio Crasso Inregillense Sabino]]<br>e<br> [[Tito Genucio Augurino]]
|successivo2 = [[Decemviri Legibus Scribundis Consulari Imperio (450 a.C.)|Secondo decemvirato (450 – 449 a.C.)]]
|note=<references group=/>
}}
 
{{Portale|Antica Roma|biografie}}
{{DEFAULTSORT:Sestio Capitone, Publio}}
 
[[Categoria:Consoli repubblicani romani]]
[[Categoria:Decemviri Legibus Scribundis Consulari Imperio]]
[[Categoria:Sestii|Capitone, Publio]]
44 254

contributi