Differenze tra le versioni di "Ragazza afgana"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 anno fa
{{citazione|Mi accorsi subito di quella ragazzina [...]. Aveva un'espressione intensa, tormentata e uno sguardo incredibilmente penetrante - eppure aveva solo dodici anni. Siccome era molto timida, pensai che se avessi fotografato prima le sue compagne avrebbe acconsentito più facilmente a farsi riprendere, per non sentirsi meno importante delle altre|Steve McCurry}}
Nella classe si respirava un'atmosfera molto rilassata e informale. Dopo aver fotografato alcune alunne, McCurry si precipitò sul soggetto che lo interessava veramente:
{{citazione|La classe era composta dida una quindicina di ragazze. Erano tutte giovanissime e facevano quello che fanno tutti gli scolari del mondo, correvano, facevano chiasso, strillavano e alzavano un sacco di polvere. Ma quando ho cominciato a fotografare Gula, non ho sentito e visto più nient'altro. Mi ha preso completamente [...] Suppongo che fosse incuriosita da me quanto io lo ero da lei, poiché non era mai stata fotografata prima e probabilmente non aveva mai visto una macchina fotografica. Dopo qualche minuto si alzò e si allontanò, ma per un istante tutto era stato perfetto, la luce, lo sfondo, l'espressione dei suoi occhi|Steve McCurry<ref name=B>{{cita|McCurry|p. 75|SMC}}.</ref>}}
Lo scatto, (per cui fu utilizzato un obiettivo manuale Nikkor 105mm f/2.5 su una Nikon FM2), uno degli esemplari più elevati della poetica ritrattistica di McCurry (della quale si parla più approfonditamente in ''[[Steve McCurry#Stile|Steve McCurry § Stile]]''), fu poi sviluppato al ritorno del fotografo a [[New York]]. In un primo momento la foto non piacque al redattore iconografico della National Geographic, che ne preferì un'altra: in questa seconda foto a essere ritratta era sempre la medesima ragazzina, che in questo caso si copre tuttavia la parte inferiore del viso con lo scialle, restituendo una sensazione più giocosa e poco inquietante. Lo scatto originario, dunque, venne incluso nelle «seconde scelte», ovvero l'insieme di immagini non gradite dall'''editor'' principale.<ref name=C>{{cita|McCurry|p. 76|SMC}}.</ref>